Un posto al giorno Comments (0) |

Destinazione Bomarzo

Nel borgo antico nel cuore della Tuscia, famoso per il Parco dei Mostri

Bomarzo26/365 Bomarzo

Borgo nella Tuscia, in provincia di Viterbo. Bomarzo si trova nel cuore di questo territorio che offre molto, tra piccoli paesi e luoghi di grande interesse paesaggistico ed eno-grastronomico, vicino ai monti Cimini, al confine con l’Umbria. Il centro storico è da vedere, rimasto intatto nel tempo offre scorci particolari ma anche edifici di grande valenza culturale. Tra i luoghi da non perdere spiccano il palazzo Orsini, il duomo e la chiesa di Santa Maria di Montecasoli. Il borgo deve poi la sua fama al vicino e spettacolare Parco dei Mostri. Il sacro bosco sorge poco fuori dal centro abitato e fu ideato dall’architetto Pirro Ligorio. Un posto davvero particolare ideale anche per una visita coi bambini.

Dove: nel Lazio, in provincia di Viterbo

Numero di abitanti: circa 2 mila abitanti

Da visitare in quanti giorni: per visitare il paese di Bomarzo basta una giornata, per visitare il Parco dei Mostri serve qualche ora. L’ideale è avere a disposizione due giorni per scoprire il territorio.

Da fare assolutamente: visitare il centro storico, fare un giro nel Parco dei Mostri di Bomarzo 

Qualche consiglio: la Tuscia è un luogo molto suggestivo, sono tanti i borghi da vedere nel territorio. I mesi caldi e l’autunno sono i due periodi migliori per vedere questa zona del Lazio

Da assaggiare: Tra le tante tipicità da provare, va assaggiato l’olio, le nocciole, le castagne dei Monti Cimini, ma anche alcune ricette locali. Le zuppe in questo territorio sono tra i piatti tradizionali così come le frittelle, dette anche bertolacce, da non perdere anche i secondi piatti a base di carne e di cinghiale.

Read more

Bomarzo e i segreti del Parco dei Mostri

Passeggiando con Zoe nel parco dei mostri dove miti e leggende s’intrecciano nella natura del Sacro Bosco di Bomarzo, un unicum in Italia 

bomarzo 8Statue giganti, mitologiche e suggestive. Percorsi nella natura. Bomarzo, borgo alle falde del Monte Cimino, nel Lazio, vanta un’opera particolarissima, unica al mondo. Parlo della Villa delle Meraviglie, del Sacro Bosco, del Parco dei Mostri. Progettato da un principe, Vicino Orsini e da un grande architetto Pirro Ligorio nel 1552 che costituisce un unicum. Fu il principe di Bomarzo a far scolpire nei massi in peperino affiorati nel terreno enigmatiche figure di mostri, soggetti mitologici, animali posizionati qua e là in maniera irregolare.

parcoIn molti, tra storici, ricercatori e scienziati, negli anni hanno cercato di spiegare il labirinto di simboli, ma sono ancora molti i misteri che avvolgono questo parco. Il bosco si estende per circa 3 ettari in una foresta dove natura, templi ed edifici che riprendono il mondo classico si mescolano a statue che affascinano e incuriosiscono i visitatori. In questo posto dall’atmosfera magica c’ero già stata qualche tempo fa ma non potevo che portare Zoe e Simone. Il parco dei Mostri è una meta ideale per una vacanza coi più piccoli che vedendo queste grandi, e per loro immense, statue di pietra rimangono senza parole. Per visitarlo il periodo giusto è la primavera o l’autunno quando non fa tanto caldo e la passeggiata nel parco è molto piacevole. Una volta usciti vi consiglio di andare a visitare anche Soriano nel Cimino che dista circa mezz’ora e perché no Viterbo, lontana circa 15 minuti in auto. Soriano nel Cimino è particolare. Agli occhi dei visitatori che arrivano in auto si presenta come un gruppo di case disteso su un’altura. Il piccolo borgo medievale si estende intorno al Castello eretto da papa Nicolò III Orsini nel XIII secolo. Dall’altra parte c’è la zona rinascimentale dove da vedere c’è il Palazzo Albani Chigi, uno dei maggiori capolavori dell’architetto Ottaviano Schiratti. 

GUARDA LE FOTO

Read more