Londra a misura di bimba

Da quando sono diventata mamma adoro ancora di più viaggiare perché scoprire posti nuovi, tornare in luoghi già visitati, spostarsi con Zoe è ancora più bello. Più complicato sì, ma ancora più divertente. E, vi siete mai chiesti come può essere una città vista dagli occhi di un bambino? Io sì. Me lo sono chiesta a Londra quando siamo andati a trovare la zia Katia, anche lei mamma. Una passeggiata nel cuore di una delle mete più vive, caotiche, complicate e multietniche del mondo. Ed ecco che cosa fotografano gli occhi di una bambina. Peccato non poter conoscere anche i suoi pensieri. «Dove mi ha portato oggi mamma?», avrà sicuramente pensato la piccola e girovaga Zoe.

Guarda anche la galleria fotografica “I colori di Londra

Londra e la Signora C (leggi la storia)

La Grecia della Signora C, un rifugio al sole (leggi la storia)

 Sifnos e la Signora C (leggi la storia)

Da Londra puoi raggiunger le Channel Island (scopri le Isole del Canale e guarda la galleria fotografica)

Read more

Macerata – Milano, bimba a bordo

Il primo viaggio in treno con Zoe,
consigli e suggerimenti per chi si sposta in treno coi bambini piccoli

zoe_Treno

Tale madre tale figlia. Dalla ragazza con la valigia (così ama chiamarmi una delle mie zie) c’era da aspettarselo. Non potevo certo attendere chissà quanto dalla nascita di Zoe prima di salire su un mezzo di trasporto con lei. Ho scelto il treno per cominciare (anche se, a dire il vero, avevo già volato con Zoe in pancia, destinazione Londra City). Macerata – Milano Centrale con carrozzina, borsa, trolley e bebè al seguito. Un viaggio per certi versi allucinante. Beh, non che pensassi a qualcosa di diverso in realtà, ma sicuramente non mi aspettavo alcune inutili complicazioni. Ma andiamo per gradi.

Partiamo da problema numero uno: le dimensioni della carrozzina. E’ incredibile, nonostante ci siano tantissime mamme che viaggiano in treno coi bambini qualunque mezzo che trasporti un bebè non è compatibile, per grandezza e funzionamento, con la carrozza di un treno. E pensare che sarebbe più complicato partire abbandonando il neonato in stazione. Superato il dramma carrozzina, chiedendo aiuto ad un passante che è riuscito a far volare il tutto sopra le teste dei passeggeri arriva il problema numero due.

Il cambio dei pannolini. Ecco, sì un altro non problema in realtà che, però a bordo di un treno diventa la cosa più insormontabile del mondo. Come fa una mamma che si è già accollata carrozzina, bebè, trolley e borsa contenente di tutto, a pensare di dover fare altri stancantissimi chilometri per trovare un posto per cambiare la cacca, che tra l’altro non profuma, della sua creatura?. “Signora non si preoccupi, in bagno c’è il fasciatoio”: dice il controllore. Si, infatti il fasciatoio c’è, il problema però non è l’assenza di un posto dedicato al cambio di pannolini. Il fatto è che quel fasciatoio tanto decantato non è utilizzabile. Passi che non sia perfettamente pulito, ma non si può pensare di cambiare un bambino in uno spazio lurido e dove la temperatura media si aggira sui 2 gradi, quando va bene. Ma, non c’è due senza tre e speriamo che il quarto non venga da sé.

Passiamo al terzo limite. Gli spazi. Si proprio gli spazi. Ma è possibile che su un treno dove viaggiano migliaia di donne con bambini nessuno abbia pensato a creare uno scompartimento adatto a chi non sta mai fermo, a chi vuole giocare a tutti i costi, a chi vuole mettere tutto in bocca, adatto anche alle mamme che vorrebbero potersi sedere senza sbattere le ginocchia sulla poltrona di fronte, vorrebbero poter vivere un viaggio in pace evitando di prendere l’ebola e poter gestire carrozzina, trolley e borse varie. E sì pare che, almeno in Italia, questo sia impossibile. Al di là di tutti questi inconvenienti, per fortuna il primo viaggio di Zoe è riuscito con successo. Tutto sommato il treno sembra piacerle. L’avevo detto io basta metterla su un mezzo di trasporto, tale madre, tale figlia.

Read more