Casa Pazzi

Nella zona sud della regione Marche, sulla costa adriatica, non lontano dal mare, nel vecchio borgo di Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno. Casa Pazzi accoglie i turisti italiani e stranieri che scelgono questa struttura, un palazzo storico del XVIII secolo trasformato dall’interior designer Roberto Pazzi. Una dimora di charme con quattro appartamenti e una camera matrimoniale separata, ognuno unico per i colori e gli arredi e con esclusiva vista mare. Accanto a tutto questo c’è una veranda comune che affaccia sul giardino panoramico con alberi secolari e una vegetazione lussureggiante.

Nome: Casa Pazzi.

Categoria: appartamenti vacanze.

Dove: nel centro storico di Grottammare, nella zona del vecchio incasato con un bellissimo affaccio sul mare.

Indirizzo e sito internet: www.casapazzi.com

Adatto a chi: adatto a chi vuole soggiornare in un posto tranquillo e molto curato, appartamenti ideali per coppie, per famiglie anche con bambini. Dormire nel borgo è il modo migliore per stare tranquilli e raggiungere facilmente anche il mare che non è molto distante.

Prezzo: a partire da circa 120 euro a notte per una camera matrimoniale.

Segni particolari: è la cura della struttura, gli arredi, l’attenzione ai particolari a saltare all’occhio, oltre al giardino con bellissima vista mare dove si possono consumare le colazioni e ci si può rilassare.

Consigliato perché: ideale per chi cerca un posto tranquillo tra i vicoli di un borgo antico dove ci si sente come a casa, al mare. E’ consigliato perché in ogni appartamento ci si trova bene e si può trascorrere una piacevole vacanza.

Read more

Orto Osteria della terra

Nel centro storico di Gubbio per gustare i prodotti del territorio

ristorantePROVATO APPROVATO – Umbria 

Nel centro storico di Gubbio, dove l’attenzione al prodotto, al dettaglio e alla cucina di tradizione riletta in chiave vegetariana è di casa, così come i prodotti di qualità e del territorio. Orto, osteria della terra, nelle sue sale arredate con gusto, è il luogo dove consumare il rituale del pasto degustando i prodotti di chi da anni sposa la filosofia del biologico e in alcuni casi del biodinamico. Materie prime scelte con grandissima attenzione e lavorate per mettere in tavola piatti curati, buoni e sani. Il posto giusto dove fare un viaggio nella filosofia della cugina vegetariana, assaporando i prodotti della terra coltivati in maniera naturale. Un laboratorio in continua sperimentazione dove c’è sempre qualcosa di nuovo e di gustoso da assaggiare. In cucina lo chef Sara e i collaboratori coniugano tradizione e contemporaneità dimostrando grande amore per la terra e per chi si siede a tavola per degustare la vasta selezione dei piatti in menu.

Nome: Orto, Osteria della terra.

Dove: nei vicoli del centro storico di Gubbio, nel cuore di una tra le più belle città medievali dell’Umbria, in posizione ideale e strategica per visitare i principali luoghi d’interesse.

Indirizzo: in via Cavour 27, a Gubbio (in provincia di Perugia)
www.ortogubbio.com

Specialità da provare: in questo ristorante la cucina rispetta i tempi e i ritmi della natura, in ogni stagione troverete un piatto nuovo e particolare da degustare così assaporerete solo piatti stagionali che vi faranno star bene.

Consigliato perché: la cura delle materie prime, la grazia con cui vengono serviti i piatti, l’attenzione ai prodotti, alle tipicità e alla terra. Questi sono solo alcuni motivi per cui vale la pena sedersi a tavola in questa osteria e assaporare le ricette proposte. Stagionalità, qualità e cura nei dettagli sono altri motivi per cui questo ristorante è consigliato così come il locale, arredato con stile ed eleganza.

Segni particolari: ricerca e grande dedizione. Chi gestisce l’acquisto delle materie prime di questo ristorante sceglie i produttori con grande attenzione.l La differenza qui la fanno gli ingredienti e come vengono lavorati, eccellenze del territorio scelte per portare in tavola sapori autentici e piatti unici realizzati con prodotti stagionali e che esprimono il territorio.

orto

orto

orto

orto

 

Read more