Vita su Marte, l’Italia parte per lo spazio

Quante volte ho sognato di andare altrove, in un posto molto lontano…
Oggi si va fuori dal mondo, si vola nello spazio

C’è vita su Marte? La domanda che in tanti si pongono da molti anni potrà avere una risposta entro breve. È infatti partita la prima missione del programma ExoMars, che entro il 2018 dovrebbe portare il mondo ad avere dati più certi sulla presenza di tracce di vita sul pianeta rosso.

vita-marteNiente omini verdi o suggestivi alieni, sia chiaro. ExoMars, che ha visto la sonda partire dal Kazakistan alla volta di Marte e prevede la possibilità fra circa due anni di prelevare dei campioni di terreno del pianeta rosso, si occuperà di analizzare rocce, terriccio e tutto ciò che la trivella contenuta nel rover, ovvero il piccolo robot che “abita” nella “navicella”, riuscirà a prelevare per capire se vi siano tracce di acqua o sostanze che presuppongano delle reazioni vitali.

Protagoniste di ExoMars sono le agenzie spaziali italiana e russa e la Thales Alenia Space, con un notevole contributo di Selex Es di Nerviano, in provincia di Milano, e Campi Bisenzio in Toscana. Proprio la Selex Es ha realizzato i pannelli fotovoltaici che garantiscono la fornitura di energia al robot e la trivella che sarà utilizzata per perforare il terreno di Marte.

Read more

La Grecia della Signora C, un rifugio al sole

Un viaggio per Londra per rivedere il figlio 

Una sorpresa. Un viaggio per passare qualche ora in compagnia del figlio. Così la Signora C ha prenotato un volo per Londra e ha raggiunto l’Inghilterra dove il suo “bambino” è partito a settembre per costruirsi un futuro. Pensate che bello avere una madre che è felice sapendo suo figlio felice e che prende qualche giorno di vacanza per trascorrere un pomeriggio con lui, fare due chiacchiere, vedere dove ha trovato impiego e conoscere i suoi colleghi e amici. “So che lavora in un ristorante in centro, stasera ho prenotato un tavolo lì”.

Troppo forte la Signora C è organizzatissima, ha la mappa di dove si trova il ristorante, di dove abita, ha calcolato le distanze e tutti i tempi di percorrenza.

postcard3«E’ questo il treno per Liverpool street?» mi chiede prima di salire. C’è ancora mezz’ora, un’altra attesa. Trenta minuti circa per continuare a raccontarsi. Ed è proprio sul treno che dall’aeroporto di Stansted raggiunge il centro di Londra che ho scoperto quanto è ed è stata bella la vita della Signora C. Piena, colorata, imprevedibile, complicata.

«L’unica cosa che non mi piace qui è il clima, sono abituata al sole della Grecia». Parole che, in una giornata piovosa e piuttosto fredda, hanno portato calore e soprattuto colore. Mentre il treno attraversa le campagne in periferia di Londra e la Signora C ammira le case inglesi con la contentezza e la curiosità di una bambina, ho pensato a quanto debba essere stato bello passare sei mesi all’anno su un’isoletta lontano da tutto, avere un’ancora di salvataggio, un posto dove rifugiarsi e dove insegnare al figlio che la vita ognuno se la costruisce come crede e che a volte, come penso sia accaduto alla Signora C, facendo scelte azzardate ma azzeccate, può diventare meglio di come era stato previsto….

Leggi Londra e la Signora C

Da Londra puoi raggiungere le Channel Island.
Le hai mai viste? Clicca qui per scoprire di più. Guarda la gallery fotografica.

Read more