Amandola: al Lago di San Ruffino
VIDEO

Pillole di viaggio e in questo caso di Marche.
Il luogo che vi racconto oggi è il lago di San Ruffino, ma è vero che in inverno viene completamente svuotato e di questa meraviglia rimane solo il fiume?


lago A Sarnano piove, una novità in questi giorni in cui il sole sembra sia andato in vacanza invece di fare il suo dovere e riscaldare l’estate. “Andiamo da qualche parte?” mi chiede Simone che, dopo anni di convivenza, si è rassegnato al fatto che per me basta andare. Anche con la pioggia, con il freddo. Mi basta girovagare alla scoperta di qualcosa che non ho ancora visto. Chissà se un giorno capirò che cosa sto cercando davvero!

lagoBeh, comunque, al di là di questi passaggi filosofici, abbiamo messo in auto Zoe, pronta per la sua pennichella pomeridiana, e siamo andati alla scoperta del Lago di San Ruffino. Di questo posto ne avevo già sentito parlare, ci ero anche passata vicina in uno dei miei tour alla scoperta di bed and breakfast da favola (in zona ce ne sono alcuni) ma non avevo notato tutta questa bellezza. Così a circa 20 minuti di auto da Sarnano, vicino al centro di Amandola, ecco che si apre questa splendida distesa d’acqua. E’ il lago di San Ruffino. Come molti altri laghi qui intorno – mi viene in mente quello di Fiastra, uno dei miei rifugi preferiti – anche questo è artificiale. Un posto particolare che anche con la pioggia battente ha il suo fascino. Percorrendo la strada non asfaltata che lo costeggia si possono vedere dei panorami splendidi, come potete vedere nel video. Pensate che proprio lassù in cima, c’è qualcuno che ci ha fatto una bellissima casa vacanze, devono essere degli inglesi (cercate Casa Raphael se volete dormire in paradiso). Sono contenta, ho visto anche il lago di San Ruffino, io ci sono stata d’estate, ma è vero che è considerato anche il lago fantasma e che d’inverno viene svuotato completamente? Dovrò tornarci, anche se ho letto da qualche parte che da qualche anno questa pratica non viene più eseguita. Con la neve deve essere davvero meraviglioso.

Read more

Al Parco di Monza con fate, elfi e folletti
VIDEO

La mostra nel Parco di Monza è dedicata al popolo degli elfi, delle fate e degli gnomi.
E’ in programma a Villa Mirabello fino al primo novembre
GUARDA IL VIDEO
(Info: www.reggiadimonza.it/follettimonza)

parcoIl parco della Reggia di Monza è splendido. Quante volte ci sono andata quando studiavo al liceo. Ora ci sono tornata con Zoe, mamma, zia Fiamma, zia Cri e zio Sma, insomma ho scelto un nutrito gruppo di viaggiatori per andare alla scoperta di elfi, fate e folletti. Sì, avete capito bene, al parco di Monza non si va solo per svagarsi un po’, fare un giro in bicicletta, a cavallo, sui roller, oppure per fare un picnic e prendere il sole, ma anche per immergersi in un mondo magico, allestito negli spazi di Villa Mirabello.

Facciamo un passo indietro. Sono nata in un paese vicino a Monza quindi potrei raggiungere il parco anche ad occhi chiusi, alcuni di voi, però non sanno nemmeno dove sia la Brianza e la città di Monza. Vi do qualche indicazione: la reggia di cui vi sto parlando si trova in Lombardia, a pochi chilometri da Milano, in un grandissimo polmone verde, il quarto più grande d’Europa e il primo recintato da una cinta muraria. Ha cinque porte d’ingresso e ospita fino a 60 mila visitatori al giorno.

C’è sempre un’occasione buona per tornarci, questa volta però ci sono andata appositamente per raggiungere Villa Mirabello e portare Zoe a vedere il regno fatato ricreato all’interno di questa dimora seicentesca. Il piccolo popolo, fatto di creature magiche, fate, elfi e folletti affascina bambini e adulti. Personaggi della fantasia che forse esistono davvero e si svelano ai più piccoli nell’allestimento scenografico fatto di suoni, colori e suggestioni, nelle sale della villa storica che, fino al primo novembre, ospiterà il bosco incantato.

parcoOgni area espositiva è dedicata ad un particolare momento della giornata, dall’aurora a notte fonda, e gli abitanti del bosco, fate, nani, coboldi, elfi e folletti, si svelano agli ospiti attraverso giochi e attività divertentissime, in modo da accompagnare i bambini e le famiglie nella natura incantata. Un’esperienza che potrà continuare anche all’aperto grazie ai diversi percorsi tracciati per i visitatori nel Parco. Portateci i vostri bambini e fateli sognare.

Il costo del biglietto è di 8 euro per gli adulti, di 6 per i bambini dai 3 ai 14 anni, per i disabili e gli over 65. 
Il biglietto famiglia costa 6 euro. 
L’ingresso è gratuito per i bambini fino ai 3 anni.

parco

parco

Read more