Mosca e il Cremlino

Mosca mi piace: è una città viva, piena di luoghi da vedere, di scorci che sorprendono ad ogni angolo. Una città dove non manca niente, facile da girare, comoda da percorrere in lungo e in largo e piacevole da scoprire.

Il secondo giorno effettivo in questa città è cominciato con la visita della Cattedrale di San Basilio, in piazza Rossa. Da fuori è meravigliosa, dentro, secondo me non vale il prezzo del biglietto (circa 10 euro a testa per gli adulti). Uno dei simboli di Mosca, l’edificio è caratteristico soprattutto per il profilo a nove cupole appartenenti a nove chiese tra loro collegate che compongono la cattedrale stessa.

Le nove cupole ricordano le nove chiese in legno che lo zar Ivan IV il Terribile fece costruire dopo la vittoria sui tartari, dedicate ai santi protettori dei giorni di ciascuna battaglia vinta.

Entrando, al primo impatto la Cattedrale sorprende, ma per una visita accurata serve una guida in lingua e tanto tempo a disposizione per non tralasciare i tanti dettagli.

Il viaggio continua e dopo la visita procedo a piedi fino ad un altro monumento da vedere a Mosca: la chiesa di Cristo Salvatore che si raggiunge facilmente a piedi con una bella camminata costeggiando la Moscova. Un’edificio maestoso che oggi è un simbolo evidente della rinascita della fede ortodossa tra i moscoviti.

Ancora una bella camminata fino a raggiungere il Cremlino, il monumento (anzi l’insieme di monumenti) principale di Mosca, assolutamente da vedere al suo interno.

Acquistare il biglietto è semplice: l’ufficio adibito a questo si trova al centro del parco che costeggia le mura dell’edificio, il costo è di circa dieci euro a persona e la visita va in base agli interessi di ognuno.

Il Cremlino è un mondo a parte, una cittadella che fino a qualche tempo fa non era visitabile. Si accede dalla torre Troickaja, dal lato opposto rispetto alla piazza Rossa.

Pochi passi ed ecco la maestosa piazza delle Cattedrali, teatro di innumerevoli avvertimenti della storia russia e di grandi cerimonie.

Dentro il Cremlino ci si può passare un’intera giornata o qualche ora, io ho trascorso un pomeriggio camminando con calma e guardando con attenzione tutta la cura con cui questo luogo è stato creato ed è stato tenuto in tutti questi anni. Ad ogni passo un’immagine di bellezza che tutte insieme lasciano dei ricordi meravigliosi.

In questa seconda giornata ho visto:

1. L’interno della Cattedrale di San Basilio.

2. La Chiesa di Cristo Salvatore.

3. Il Cremlino.

Read more

Mosca: giro in centro e sulla Moscova

Primo giorno effettivo a Mosca. Quasi 16 chilometri a piedi percorsi in 10 ore no stop a cui si è aggiunta una piacevole uscita in notturna per mangiare una deliziosa Scrocchiarella.

Andiamo con ordine.

Il primo passo per cominciare al meglio la giornata è la colazione. Dove? In Russia come in ogni grande città c’è l’imbarazzo della scelta e, guarda caso, proprio a pochi passi dall’hotel dove sto soggiornando, trovo un bar che fa ottimi caffè e cappuccini a 60 rubli (circa 90 centesimi). La colazione è economica e buona. Per un cappuccio e una biscotto o brioche si spendono circa un euro e 80.

Dopo un bel caffè si parte alla grande alla scoperta di una città del tutto sconosciuta. All’inizio non è facile ambientarsi soprattutto perché è difficile capire le scritte che in russo appaiono veramente incomprensibili. Guida alla mano e un po’ fantasia e via che il centro in poche ore sembra molto familiare.

In questa prima giornata ho visto:

1. La piazza del maneggio con la porta della resurrezione e accanto uno dei grandi polmoni verdi della città che si sviluppa attorno al Cremlino (chiuso il giovedì).

2. La piazza rossa con la bellissima Basilica di San Basilio (vista per ora solo da fuori per sfruttare la card cumulativa e visitare tutti i luoghi a pagamento in un’unica giornata).

3. Il nuovo parco pubblico a pochi passi dalla piazza rossa, un altro polmone verde della città, in centro, un luogo ben tenuto e moderno con un particolare ponte sospeso che si può percorre a piedi e la possibilità di rinfrescarsi nell’istallazione singolare e molto fredda dell’ice cave.

A questo giro, dopo un breve pranzo al parco con panini buoni e abbastanza economici comprati in un bar, ho aggiunto una bella crociera di due ore circa sulla Moscova per vedere la città dall’acqua (costo del biglietto di circa 10 euro) e una bella visita ai meravigliosi magazzini Gum.

Un giro bello e pieno di immagini e scorci diversi per finire con una Mosca che in notturna, illuminatissima, da il meglio di sè. Locali, bar, concerti all’aperto e tanta gente che si gode la vita. Io e il mio super gruppo di viaggio a passeggio alla ricerca di una buona scrocchiarella, una pizza speciale (avete presente quella in pala alla romana?), un’idea tutta italiana a cui sono stati dedicati ben due ristoranti in città.

Read more