Dalla Lombardia alla Russia, il caviale risulta essere un’eccellenza tutta italiana
A dimostrarlo è il successo all’azienda Calvisius in provincia di Brescia
punto di riferimento di questa specialità in tutto il mondo 

cavialeRussia patria del caviale. Ovvio, no? E se invece vi dicessimo che la metà del caviale consumato in Russia arriva dall’Italia? Anzi, da un’azienda che ha sede e opera in Lombardia? Impossibile? No. Dati alla mano, infatti, risulta che una delle eccellenze italiane, l’azienda Calvisius di Calvisano in provincia di Brescia, è un punto di riferimento per il commercio di caviale in tutto il mondo e soprattutto in Russia. Il nome completo della società è Agroittica Lombarda, il suo marchio di punta nel settore delle uova di storione – ovvero il caviale, appunto – è Calvisius. Un prodotto di nicchia, nicchia nella quale si è abilmente introdotta la Calvisius che nel corso degli anni è diventata un vero punto di riferimento del settore.

E pensare che è cominciato tutto all’inizio degli anni Ottanta, grazie all’incontro dei dirigenti dell’azienda con un biologo russo fuggito dall’Unione Sovietica. Da lì le cose si sono evolute e quella che all’inizio era una semplice suggestione, ovvero quella di lavorare con gli storioni e produrre qualcosa di nuovo e ricercato, è diventata una vera esperienza di successo. Con il passare del tempo le tecniche si sono affinate e la produzione è diventata di maggiore qualità.

Oggi Calvisano e il Parco del Ticino, dove si allevano gli storioni e viene prodotto il prezioso caviale, sono noti in tutto il mondo anche e soprattutto per la qualità di ciò che la società italiana realizza.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *