Assaggiare i piatti tipici è il modo migliore per scoprire davvero un posto e portarsi con sé
il gusto della terra dove si è stati 

cucina gustoL’ho sempre sostenuto, viaggiare vuol dire anche assaggiare. La prima cosa che faccio, ogni volta che raggiungo un posto nuovo, o ritorno in un luogo già visitato, vado alla ricerca di un buon ristorante che possa offrire piatti tipici e specialità locali. Ormai è quasi una fissazione. E per fortuna che io, a differenza della mia amica intollerante (leggi i viaggi intolleranti), mangio proprio di tutto. Una grande fortuna, un insegnamento che devo a mio padre che da piccola mi ha sempre consigliato di provare di tutto. Il giusto modo, a mio parere, soprattutto quando si viaggia, per portarsi dentro il gusto della terra dove si è stati.

cucina gustoPer fortuna non sono l’unica. Pensate che da una ricerca condotta da Expedia.it nel 2016 un italiano su 4 sta pianificando un viaggio a tema gastronomico. Per il 57 per cento degli italiani la qualità e l’originalità del cibo sono la maggiore priorità quando scelgono dove andare in vacanza e Barcellona, Parigi e Roma sono le mete preferite dagli italiani proprio per l’offerta culinaria. Così il portale mondiale dei viaggi online ha pensato di intervistare ben 14 mila persone in tutta Europa per scoprire quali sono le mete più gettonate e quali le esigenze dei turisti italiani che sempre di più vanno alla ricerca del buon cibo.

Non bastano più un bel posto, un hotel con tutti i comfort, il mare pulito e i servizi, per le vacanze perfette serve anche una cucina di qualità. Vista la grande attenzione a questo tema Experdia.it ha lanciato sul proprio magazine Discover un progetto dedicato al cibo e ai viaggi. Grazie alla collaborazione con dodici esperti di gastronomia di tutta Europa, Expedia è andata alla ricerca di esperienze culinarie uniche in diversi paesi, tra ristoranti locali e cibi assolutamente da provare, spesso poco conosciuti dai turisti stranieri.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *