Andiamo alla scoperta di un piccolo centro toscano unico nel suo genere

171/365: Pitigliano 

Arrivando in auto, appena si vede il paese si rimane stupiti. L’immagine di Pitigliano, paese costruito su un promontorio di tufo, è bellissima. Uno scenario molto particolare, difficile da trovare altrove, un paese immerso nella natura toscana dove saltano agli occhi il colore delle pareti di tufo su cui il borgo poggia, le case scavate e il centro storico considerato anche una piccola Gerusalemme per la storica presenza di una comunità ebraica. Pitigliano se scegliete questa zona della Toscana per passare le vacanza va assolutamente visto, non solo per la sua storia che è antica, ma anche per quello che offre. Il paese conserva tracce del passato e nello stesso tempo è una moderna destinazione dove si vive benissimo e dove si può facilmente ritrovare pace e serenità. La magia del borgo si ritrova nei vicoli del quartiere più antico, il ghetto ebraico. Un’altra curiosità che riguarda il paese sono le grotte e le tombe etrusche scavate nel tufo alcune delle quali utilizzate ancora oggi come cantine per conservar vino ed alimenti.

Dove: Pitigliano si trova in Toscana, precisamente in provincia di Grosseto. E’ un luogo talmente suggestivo che merita una visita.

Numero di abitanti: Pitigliano conta circa 3800 abitanti.

Da vedere in quanti giorni: Pitigliano è un piccolo borgo, ideale anche per una gita di qualche ora. Il bello qui è il territorio che offre molto non solo in fatto di piccoli centri e luoghi da vedere, ma anche di natura. In questa zona della Toscana potete passare una vacanza interessante, anche di una settimana, dieci giorni.

Da fare assolutamente: visitare il centro storico con una passeggiata tra i vicoli, vedere il duomo, soffermarsi davanti alla fontana delle sette cannelle, non perdere il palazzo Orsini e la zona del ghetto ebraico.

Qualche consiglio: se avete solo qualche ora a disposizione questo piccolo paese toscano è l’ideale anche solo per una gita, magari in moto.

Da assaggiare: anche qui, come in tutta la toscana non manca la buona tavola. Il territorio è spesso visitato da chi ama seguire rotte legate al turismo enogastronomico. Da assaggiare i vini locali, ma anche i primi fatti in casa, le zuppe e i secondi di carne.

Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *