Si va in Puglia, nella capitale dei trulli

42/365: Alberobello

Dormire in un trullo? Credetemi, è una delle esperienze che cambiano la prospettiva di un viaggio. Ed è anche una di quelle esperienze che chi passa per Alberobello sogna di fare. “A come Alberobello”: chi non ha mai usato questa espressione durante un gioco o uno scherzo? Questo paese della Puglia è una gemma, una perla incastonata in una regione che di meraviglie ne possiede davvero tante. Sapori, arte, cultura, storia, tradizioni: la Puglia è una delle regioni d’Italia con il maggior numero di sfaccettature. E Alberobello le riflette tutte.

Dove: in Puglia, in provincia di Bari

Numero di abitanti: quasi 11.000

Da visitare in quanti giorni: Alberobello è un paese che non ha un’estensione geografica tale da richiedere molto tempo per essere visitata. Quindi due giorni potrebbero essere sufficienti. Monopoli, Fasano, Martina Franca, Castellana Grotte sono tutti Comuni circostanti. Comuni che una visita la meritano sicuramente. Quindi il consiglio è di ritagliarsi qualche giorno in più per vedere tutta la zona.

Da fare assolutamente: dal 1996 i trulli, le caratteristiche abitazioni di Alberobello, sono tutelate dall’Unesco. Quindi è impossibile non visitarne almeno uno. Queste tipiche abitazioni sono uniche al mondo e contribuiscono a creare un’atmosfera antica, rarefatta, quasi irreale.

Qualche consiglio: lasciatevi investire da quell’atmosfera di un mondo diverso da quello in cui quasi tutti noi viviamo. Non fate programmi, rilassatevi e visitate il paese senza porvi limiti di tempo. Anche nel territorio circostante andate con la massima calma.

Da assaggiare: la Puglia è fra le capitali italiane dei sapori. Quindi taralli, pomodoro fresco, orecchiette, lasagne tipiche: non manca davvero nulla neppure ad Alberobello. Fatevi consigliare dagli abitanti del territorio e dai gestori dei ristoranti. E non preoccupatevi se tornerete dal viaggio in Puglia con qualche etto in più: vi sarete gustati piatti tipici unici e che vi avranno solleticato il palato.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *