268/365: Caldarola

Arte, storia e castelli. Caldarola, borgo in provincia di Macerata, nell’entroterra marchigiano, è un piccolo gioiello di architettura urbanistica del Cinquecento. Chiamato anche terra dei cinque castelli, rappresentati dalle cinque frazioni di Vestignano, Pievefavera, Croce e Valcimarra, oltre al borgo di Bistocco, è un piccolo centro che vale una visita. Non lontano da paese da vedere c’è il lago di Pievefavera o di Caccamo, luogo dove si possono fare molte attività. Conosciuto anche come “la porta dei Sibillini”, Caldarola non è lontano dal territorio che riguarda questo parco nazionale che comprende più provincie delle Marche e anche parte dell’Umbria. La posizione strategica di questo comune è perfetta per fare da tappa per organizzare un tour più ampio.

Dove: nelle Marche, in provincia di Macerata, nel territorio dell’Unione Montana dei Monti Azzurri.

Numero di abitanti: il paese di Caldarola non è molto grande e conta circa 1700 abitanti.

Da vedere in quanti giorni: il borgo con le frazioni, una più particolare dell’altra si visita in due o tre giorni. Il territorio è molto ampio e presenta tanti luoghi d’interesse. Questa zona delle Marche può essere perfetta anche per vacanze molto più lunghe.

Da fare assolutamente: visitare il centro storico, non perdere le frazioni di Vestignano, Pievefavera, Croce e Valcimarra, fare un giro al lago di Caccamo. Vivere il territorio andando alla scoperta degli altri borgo vicini e approfondendo alcune tradizioni che qui sono ancora vive.

Qualche consiglio: Caldarola non è lontana da molti altri borghi da visitare nell’entroterra maceratese. L’ideale per conoscere la zona è organizzare un tour di qualche giorno. Una decina di giorni possono bastare per vedere la zona.

Da assaggiare: i principali prodotti marchigiani, dai salumi alle carni, ai primi piatti fatti in casa, tutti genuini e da provare. Tutto annaffiato da del buon vino, rosso Conero o bianco Verdicchio, per finire con un bicchiere di Varnelli come digestivo.

Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *