Stresa, Arona, le isole borromee: andiamo sul Lago Maggiore

46/365 Lago Maggiore

Romantico, malinconico, ma sicuramente mozzafiato: il lago rappresenta sempre un luogo molto suggestivo nel quale trascorrere qualche giorno. Soprattutto con la bella stagione. Stresa, Arona, le isole borromee: il lago Maggiore è ricco di luoghi che non possono far altro che suscitare emozioni indelebili. Proprio per questo, merita sicuramente almeno una visita. Luoghi storici, natura a tratti incontaminata, negozi di livello, ristoranti e agriturismi unici: c’è davvero tutto per trascorrere un fine settimana emozionante.

Dove: in Piemonte, poco oltre il confine con la Lombardia. Fra Italia e Svizzera.
Numero di abitanti: circa 5.000, se si parla soltanto di Stresa.
Da vedere in quanti giorni: per godersi Stresa basta anche soltanto un giorno, è una vera perla sul lago. Se si vuole conoscere anche qualcuno dei paesi limitrofi, e vi assicuro che meritano davvero, è necessario impiegare qualche giorno in più. Cinque o sei giorni sarebbero l’ideale.
Da fare assolutamente: un’incursione alle isole borromee, una volta in cui ci si trova sul lago Maggiore, è d’obbligo. L’isola dei Pescatori e l’isola Bella sono qualcosa di incredibile e suggestivo. Per raggiungerle, è consigliabile prendere il battello: porta praticamente lungo tutto il lago.
Qualche consiglio: passeggiare a Stresa, per i suoi vicoli e sul lungolago, è rilassante e suggestivo al tempo stesso. Impossibile non lasciarsi trasportare dal lago e dalla sua atmosfera. Se potete scegliere, meglio passare dalle parti del lago Maggiore in primavera o in estate quando le attività commerciali sono aperte a pieno regime anche durante il fine settimana e quindi i paesi si mostrano in tutto il loro splendore.
Da assaggiare: lago corrisponde al pesce. Risotto con il persico o con altri tipi di pesce o pesci alla griglia o in altri modi. Insomma, passando da Stresa, Arona, Castelletto Ticino, Sesto Calende e tutta la zona circostante non si può non cercare questi sapori.
Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *