Viaggio nell'isola che si trova al centro del Golfo dei poeti

238/365 L’isola Palmaria

Le Cinque Terre e il Golfo dei poeti sono fra i luoghi di maggiore interesse della Liguria. Proprio all’interno del Golfo dei poeti c’è un’isola particolarmente suggestiva. La Palmaria è un’isola che merita di sicuro una visita. La pace, il relax e l’atmosfera di totale tranquillità e serenità sono le caratteristiche principali di questo angolo di paradiso.

Dove: nel Golfo dei poeti, a Portovenere.
Numero di abitanti: poco meno di 60.
Da vedere in quanti giorni: per godersi per bene l’isola Palmaria l’ideale è partire la mattina prendendo il traghetto a La Spezia – ci si impiega circa una mezz’ora – e dedicare l’intera giornata al relax e alla visita dell’isola. In generale il consiglio è quello di prendersi qualche giorno per visitare tutta la zona del Golfo dei poeti.
Da fare assolutamente: rilassarsi e godersi il panorama mozzafiato. La natura da queste parti è un valore aggiunto che rende l’intera zona un vero paradiso. Per questo motivo si può scegliere di trascorrere la prima parte della giornata percorrendo i sentieri nella boscaglia che caratterizza l’isola, mentre durante la seconda ci si può rilassare sdraiandosi al sole sugli scogli della spiaggia del Pozzale, una vera gemma a picco sul mare.
Qualche consiglio: se andate alla Palmaria nel mese di agosto, quando l’affluenza di pubblico è maggiore, è consigliabile cercare il prima possibile uno scoglio da occupare: la concorrenza è agguerrita e le postazioni più comode sono quelle maggiormente ambìte. Questa è un’isola soprattutto militare, quindi le aree di campeggio attrezzate sono soprattutto appannaggio dell’esercito.
Da assaggiare: nella zona del Pozzale c’è un ristorante fornito, nel quale si può mangiare all’ombra. C’è anche il bar, per acquistare tutto ciò che si vuole e portarselo direttamente sugli scogli. I sapori sono quelli tipici della Liguria, quindi vale la pena affidarsi ad osti e camerieri e lasciarsi consigliare. Il principio è sempre quello della frugalità.
Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *