137/365: Calascio 

Un piccolo paese, un borgo autentico in montagna che presenta ancora le sue origini medievali. Calascio, in un luogo meraviglioso dal punto di vista della natura e dei paesaggi che offre, ha origini normanne e deriva dalla fusione di due comunità diverse: quella di Calascio e quella della vicina Rocca Calascio. Per molto tempo i due paesi hanno vissuto in maniera indipendente l’uno dall’altro, poi a causa di un terremoto che ha danneggiato la Rocca questa si svuota e rimane disabitata. Piccolo, con pochi abitanti e rimasto quasi intatto nel tempo, questo borgo in un territorio incontaminato è l’ideale per chi cerca un posto tranquillo dove passare qualche giorno in totale serenità.

Dove: Calascio è un piccolo Comune in provincia dell’Aquila, in Abruzzo. Il territorio rientra in quello del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Numero di abitanti: Calascio è davvero piccolo, conta circa 130 abitanti, anche per questo è molto particolare e suggestivo.

Da vedere in quanti giorni: questa zona dell’Abruzzo è ricca di borghi e luoghi da scoprire quindi è l’ideale anche per una vacanza di qualche giorno, anche una settimana. Calascio è un paese piccolissimo che si visita in poche ore.

Da fare assolutamente: godersi i meravigliosi panorami che questa zona del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga offre, visitare la Rocca e la vicina Chiesa di Santa Maria della pietà, un luogo dalla bellezza unica, un antico castello, tra i più elevati d’Italia e teatro di importanti film come Ladyhawke, rilassarsi e vivere la natura.

Qualche consiglio: Calascio è un posto ideale per chi ama i luoghi selvaggi e ancora incontaminati. Se lo visitate lasciate a casa problemi e pensieri, staccate la spina e godetevi uno dei luoghi più belli d’Italia.

Da assaggiare: in Abruzzo si mangia molto bene, in questa zona potete assaggiare tante tipicità. Dai formaggi ai salumi locali che sono saporiti e genuini per poi passare ai primi piatti, alle minestre, alla pasta fatta in casa, ma anche alla carne di pecora e gli arrosticini, assolutamente da provare.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *