san valentino6/365: Sarnano

Un piccolo borgo, un paese di montagna a circa 530 metri sul livello del mare. Ai piedi dei Monti Sibillini, nell’entroterra di Macerata, Sarnano è una meta da non perdere. Bello per il suo centro storico, tra quelli meglio conservati di tutte le Marche, per i suoi luoghi d’interesse, dal teatro alle piazze: Alta e Perfetti, ma anche per la natura che offre. Il posto ideale per chi vuole rilassarsi, vuole ritrovare antiche tradizioni e tornare un po’ indietro nel tempo. Il borgo medievale si è mantenuto e spesso, soprattutto nel periodo estivo, gli eventi organizzati nei vicoli del centro, fanno rivivere antiche atmosfere e rendono tutto ancora più suggestivo. Sarnano è un’oasi felice dove si può vivere un weekend o anche una vacanza più lunga per conoscere un territorio che non vi deluderà.

cascatelle di Sarnano

Cascatelle di Sarnano

Dove: nelle Marche, in provincia di Macerata
Numero di abitanti:
circa 3 mila abitanti
Da visitare in quanti giorni:
il centro storico di questo borgo non è molto grande, ma il territorio offre tanto, dalla natura, ai luoghi da vedere fino ai numerosi sport all’aria aperta da fare. Per vedere il centro storico basta un pomeriggio o per i più esigenti un’intera giornata, per vivere il territorio servono almeno 4, 5 giorni.
Da fare assolutamente:
fare una passeggiata nel centro storico, la parte più antica del paese è particolare per i vicoli e gli scorci sui Monti Sibillini, fino ad arrivare a Piazza Alta, tra le più belle del paese. Fare un giro alle cascatelle che distano poco dal centro storico e sono un luogo ancora incontaminato e poco conosciuto.
Qualche consiglio:
Sarnano è bella in ogni stagione. Il consiglio è quindi di non limitarsi ad una visita sola. D’inverno è spesso innevata quindi preparatevi a visitare un paese di montagna, d’estate è perfetto per gli amanti della natura, del trekking e degli sport all’aria aperta. In autunno e in primavera il territorio offre colori e fioriture bellissime.
Da assaggiare:
A Sarnano come in tutte le Marche non potete perdere un assaggio di ciauscolo, un salame spalmabile che non ha eguali in altre regioni d’Italia. Fate un sorso di Varnelli, liquore all’anice difficile da trovare altrove. Tra le ricette tipiche da non perdere i vincigrassi, un piatto che assomiglia alle lasagne, ma anche in questo caso è unico e localissimo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *