Sono bastati due giorni per farmi innamorare di un luogo che ancora non avevo avuto modo di visitare. In Italia sono stata praticamente ovunque, ma la Franciacorta mi mancava e visitarla a bordo di una Maserati Gran Cabrio sport è stato meraviglioso!

franciacorta La sveglia suona alle 7. Mi alzo, mi preparo e penso “Chissà come sarà la Franciacorta?”. L’Italia l’ho girata in lungo e in largo, per lavoro e per piacere, ma questa parte della Lombardia, la provincia di Brescia insomma, proprio mi mancava. E la causa per andarci è stata non buona, buonissima direi: testare, insieme ad altri giornalisti provenienti da tutto il mondo, una meravigliosa Maserati Gran Cabrio sport.

L’autista, pensate che lusso, mi sta già aspettando sotto casa, esco, salgo sull’auto con destinazione paradiso. Sì, perché sono bastati pochi minuti per capire che questa volta l’avventura sarebbe stata proprio piacevole. Cinquanta minuti di piacevole viaggio ed eccomi davanti all’ingresso dell’Albereta Resort ad Ebrusco, nel cuore della Franciacorta. Avete presente quei posti 5 stelle, super lusso, dove la gente parla sottovoce, i bambini sono ben vestiti ed educatissimi, dove la camera è grande come un monolocale con la vasca idromassaggio che ti chiama in bagno, e dove non mancano spa, piscina e palestra? Insomma luoghi dove capita di soggiornare poche volte nella vita.

Ottimo inizio di giornata, mi siedo ad un tavolo del bistro che ha una vista sul lago impagabile, conosco l’ufficio stampa dell’hotel a cui non posso che fare i complimenti per la struttura ed eccomi subito servita una colazione di altissimo livello. Ogni tanto fa bene dedicarsi a sé stessi e questo è davvero il luogo giusto per farlo. Visito la struttura, parto dalle stanze arredate con grandissima cura, spaziose, luminose, silenziose e con tutti i comfort possibili e immaginabili. Nel labirinto di corridoi, spazi relax, e balconi sul verde raggiungo la Spa, una delle uniche due firmate Chenot presenti in Italia. Un luogo meraviglioso dove si possono seguire cure mediche con specialisti di livello, ma anche scegliere tra i numerosi trattamenti, fare un bagno rigenerante in piscina, un salto in sauna o nel bagno turco.

Tocco finale della mattinata il ristorante, il primo set per le riprese di un video itinerario a bordo di una super Maserati. Tra le tante ricette che propone ogni giorno Fabio Abbattista, executive chef del ristorante dell’hotel “Leone Felice”, mi racconta come si prepara gazpacho di pomodori e fragole con gamberi viola, inutile dirvi il livello… Pranzo nel bistro dove avevo fatto colazione sempre con quella vista sul lago d’Iseo che, guardandola ancora più attentamente, è così bella che sembra irreale.

franciacorta Il pomeriggio è dedicato al vino, alla scoperta della storia della cantina Bellavista che dal Resort dista davvero pochissimo. Ad accogliermi c’è Nora Fedrighini che questa realtà l’ha vista nascere, crescere e diventare quello che è oggi. Il racconto è fin da subito interessante, si parla di come questo territorio, la Franciacorta sia stato reso così da uomini lungimiranti, da grandi imprenditori che hanno saputo dare il giusto valore ad una terra così rigogliosa e fertile, di come un hobby, una passione piccola è diventata un impero e di quanto, per fare un vino di qualità, sia importante tutto il procedimento: la mano dell’uomo, la fermentazione in piccole botti di legno, la rifermentazione in bottiglia e l’attesa fino al momento giusto per brindare così con la perfetta miscela di gusto e carattere. La storia della cantina è interessante, bella come gli spazi, ampi e particolari che la caratterizzano. La visita merita davvero e lascia qualcosa dentro così come il vino che rimane nella memoria. Una giornata bellissima, la prima. La seconda racchiude anche una gran bella emozione. Ma ve la racconto poi!

CONTINUA …

GUARDA LA GALLERY

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *