Festival di Sanremo: il pregiudizio su Giordana Angi

Giordana Angi al Festival di Sanremo (Foto Instagram)
Facebooklinkedinmail

Comincia la settimana di attesa verso il Festival di Sanremo. La settantesima edizione della manifestazione canora si terrà dal 4 all’8 febbraio 2020. Il nostro staff è al lavoro per ascoltare tutta la discografia degli artisti in gara nella categoria dei big per elaborare i pre-giudizi da cui poi partiremo per le pagelle durante il Festival. Sono tutti giudizi basati su ironia e sarcasmo, fanno parte del diritto di critica e di satira. Nessuno se la prenda. Dopo Elettra Lamborghini (leggi qui), Alberto Urso (leggi qui), Junior Cally (leggi qui), Michele Zarrillo (leggi qui), Irene Grandi (leggi qui), Piero Pelù (leggi qui), Levante (leggi qui), Pinguini Tattici Nucleari (leggi qui), Marco Masini (leggi qui), Anastasio (leggi qui), Rancore (leggi qui), Francesco Gabbani (leggi qui) e Riki (leggi qui) ed Enrico Nigiotti (leggi qui), ora passiamo a Giordana Angi.

Giordana Angi: pre-giudizio 5. I problemi sono due: il motivo per cui sarà in gara fra i big è oscuro e sarà l’ennesima partecipante a Sanremo dimenticata nel giro di non più di un anno. Non è colpa sua, è solo arrivata sulla scena musicale italiana nel momento in cui non ci sono slot liberi nel suo genere. Gianna Nannini e Loredana Bertè sono gli originali, Emma Marrone è il clone fatto bene ma molto meno dirompente e lei è la terza che arriva imitando le altre ma con meno cose da dire. Canta l’amore. Sempre. Ebbasta. Esistono almeno una decina di altri temi, se si concentrasse su quelli potrebbe evitare di sparire nello spazio di 12 mesi. La voce, a parte quando decide di usare un po’ troppa grinta e quindi trasformare gli acuti in frasi alla Topo Gigio, ce l’ha. Il problema è che non è nulla di nuovo. Lo sarebbe se avesse proseguito nel filone dance di “Bam Bam”, ma quello risale al 2016. Oggi mette ogni tanto il francese qui e lá senza un senso e canta l’amore anche in modo lamentoso. Ascoltando “Oltre mare” con Alberto Urso, ad esempio, si ha la sensazione di stare sprecando dei minuti da quanti luoghi comuni contiene questo brano. A Sanremo porterà “Come mia madre”, che la stessa Giordana ha scritto con Manuel Finotti. Non vincerà e non si farà ricordare.

Cristiana Mariani

Facebooklinkedinmail

Lascia un commento