Non sì possono leggere solo i giornali, non si può pensare che tutto quello che i media raccontano sia la verità assoluta. Ischia continua ad essere meravigliosa, vieni a scoprirlo coi tuoi occhi!

Ischia30 agosto. Il primo di quattro giorni sull’isola di Ischia.

Qui ad Ischia emozionarsi è facile. Mi succede spesso di rimanere in silenzio, senza parole, e oggi mi è successo più volte.

Oggi sono arrivata ad Ischia all’ora di pranzo e in poche ore mi sono emozionata tante volte. Così dopo essere stata qualche giorno fuori dall’Italia, nella caotica e super movimenta metropoli di Londra, ancora una volta è bastato pochissimo a ricordarmi che amo follemente la terra dove sono nata. L’Italia. Qui si che ci si emoziona davvero.

Colori, rumori, profumi, gente, tanta gente viva, in motorino, in auto, a piedi. Persone in ogni dove, turisti, visitatori occasionali o abitudinari, coppie, bambini. Ischia è un mix di storie che suscitano le più disparate emozioni.

E oggi di emozioni, ne ho davvero provate tante.

davNon ho avuto parole quando ho visto preparare i piatti dello chef stellato Nino di Costanzo del Daní Maison che con una delicatezza rara e una maestria senza paragoni mi ha presentato un piatto di crudi di pesce che sembra un capolavoro, un quadro di colori e di sapori strepitosi. Così come quando ha composto e raccontato il suo dolce, Napul’…è che parla di Napoli e di tutte le sue bellezze e contraddizioni. Assaggiarlo è stato un privilegio.

Poco dopo sono rimasta in silenzio ad ascoltare i racconti di chi da anni realizza ceramiche artistiche sull’isola. Ho ascoltato la storia della famiglia Cianciarelli che da tempo riesce a creare dei capolavori di artigianato apprezzati in tutto il mondo.

Poi mi sono emozionata vedendo il tramonto coi suoi colori intensi e meravigliosi, facendo il bagno in un mare cristallino alle 8 di sera e assaggiando a cena i prodotti locali che veramente qui hanno sapori unici.

Privilegi, emozioni che si vivono passando qualche giorno a Ischia, che si provano solo stando sull’isola. Venite a scoprirlo e poi provate a smentirmi! 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *