A pochi chilometri da Macerata c'è un paradiso fatto di acque turchesi e di natura selvaggia e incontaminata


Marche alternative:il lago di Fiastra



fiastraLa prima volta l’ho visitato d’inverno. E, ogni volta che percorro la strada che da Sarnano conduce al lago di Fiastra, tra le montagne, ripenso a quando vivevo ancora in Brianza e alle sensazioni che provavo quando che scoprivo una delle bellezze di cui la regione Marche è ricchissima. Diciamo, insomma, che il lago di Fiastra con i suoi colori e il panorama circostante così selvaggio e rigoglioso, è stato uno dei motivi che mi hanno spinto a fare le valigie e a trasferirmi nel centro Italia. D’inverno il lago è un luogo particolarissimo, a volte cupo, ma di certo da vedere. D’estate è il paradiso. A oltre 600 metri sul livello del mare è una validissima alternativa ad una vacanza sul litorale. Raggiungerlo è semplice, da Macerata basta percorrere la strada che porta in montagna (la Sp 77), girare a destra all’atezza del bivio per Caldarola e proseguire seguendo le indicazioni per Fiastra. Il lago artificiale è stato costruito per fornire energia elettrica nella Vallata del Fiastrone ed è il bacino idroelettrico più grande delle Marche con un’estensione di 4 chilometri di lunghezza e 500 metri di larghezza. Nel cuore nel Parco dei Monti Sibillini, il lago è davvero un posto da vedere almeno una volta. fiastraSono tante le attività che si possono fare, dalle passeggiate nella natura, ad un giro in canoa o con il pedalò fino alla possibilità di visitare il Parco Avventura con diversi percorsi sugli alberi realizzate con corde e funi e una teleferica che attraversa il bacino d’acqua. Il lago di Fiastra è il posto ideale per rilassarsi, per rinfrescarsi tuffandosi nelle sue acque color turchese, per leggere un bel libro o per passare qualche ora tra la natura.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *