214/365: Parma

Parma, seconda città dell’Emilia Romagna per popolazione, dopo Bologna, un tempo era la capitale del ducato di Parma e Piacenza, sede universitaria e dal 2015 città creativa dell’Unesco. Nel 2018 è stata nominata capitale italiana della cultura per l’anno 2020. Bella per il suo centro storico dalla storia antica e pieno di capolavori artistici, perfetta per chi vuole trascorre qualche giorno in una terra dove si mangia bene e dove c’è tanto da vedere. Passeggiando in centro, da piazza Garibaldi, passando per piazza Duomo, fino a piazza della Pilotta, si possono ammirare i principali punti d’interesse della città, ideale anche per chi vuole divertirsi e passare del tempo con gli amici. La vita notturna comincia con il classico rito dell’aperitivo per poi passare una bella serata in compagnia.

Dove: Parma è capoluogo dell’omonima provincia, seconda città dell’Emilia Romagna per popolazione, dopo Bologna.

Numero di abitanti: la città di Parma conta circa 198 mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: per vedere bene Parma l’ideale è avere almeno cinque giorni a disposizione, è una meta ideale anche per un weekend.

Da fare assolutamente: visitare il centro storico, passeggiare tra i monumenti della zona più antica, sedersi a tavola per gustare i prodotti e i piatti della tradizione e non perdere una visita del territorio. Trascorrere un weekend nel territorio parmense permette di visitare rocche e castelli meravigliosi. Dalla rocca di Sanvitale di Fontanellato al Castello di Torrechiara, fino alla reggia di Colorno.

Qualche consiglio: se visitate Parma non potete perdervi una serata al teatro Regio durante la stagione dell’opera o in occasione del Festival Verdi, per i buongustai da non perdere anche il festival del prosciutto.

Da assaggiare: il re della città è il prosciutto, di Parma appunto. Un prodotto da assaggiare assolutamente accanto ad un buon pezzo di parmigiano reggiano. Da non perdere poi i cappelletti o gli anolini in brodo, pasta fresca ripiena e poi la carne come lo stracotto cucinato in brodo.

 

Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *