Senza lattosio, senza glutine e senza nichel per un pasto gustoso

Un bel piatto di pasta gustoso con le zucchine. Vi attira? Senza glutine, senza nichel e senza lattosio ovviamente. Ecco come prepararla.

Estate, croce e delizia soprattutto per chi è alle prese con delle intolleranze o allergie alimentari. Il motivo? Tendenzialmente perché di solito si mangia maggiormente fuori durante la bella stagione, il che significa pericolo di contaminazione con ingredienti vietati, rischio che chi cucina, anche professionisti, non sia del tutto sincero e che quindi qualche materia prima sconsigliata agli intolleranti finisca nel piatto e comunque impossibilità di avere tutto sotto controllo. Perché, diciamoci la verità, noi intolleranti ogni tanto un po’ maniaci lo siamo. Ne va della nostra salute, certo. E quindi rischiamo di arrivare a guardare tutto e tutti con sospetto “perché in realtà non conoscono la nostra situazione e le sofferenze che noi viviamo quando stiamo male”. Atteggiamento giustificato, per carità.
Fin qui infatti abbiamo parlato di ciò che è “croce”. E la delizia di questa stagione per noi? Le delizie sono tante, l’estate è il momento più bello dell’anno. Dal punto di vista alimentare, per evitare che tutto si trasformi in un possibile dramma enogastromico, non rimane che portarsi un piatto “autoprodotto”. Non se andate a mangiare al ristorante, sia chiaro.
Ma in caso di pic nic o possibilità di “gita con panino annesso”, portatevi la vostra più classica delle “schiscette”. Ovvero la pasta con le zucchine. Pasta senza glutine, naturalmente. Dove starebbe il gusto? La pasta con le zucchine è tutta uguale. No, qui sbagliate. Le zucchine sono più gustose se fatte friggere a rondelle, magari fra aromi e spezie di vario genere. Un piccolo trucco, che però rende delle anemiche penne con verdure un piatto più appetitoso.
Bella forza, direte voi. Cosa c’è di così strano in questo piatto? Proprio la frittura. Se nella padella con l’olio e le zucchine mettete del peperoncino, del rosmarino, dell’erba cipollina o spezie che vi possono piacere diventerà tutto un altro piatto. Certo, la frittura non è la cosa più sana che si possa immaginare, ma come dicevano i latini “semel in anno licet insanire”. Insomma, una volta ogni tanto ci si può concedere qualche strappo alla regola.
Cristiana Mariani
Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *