Non solo Festival: sono tante le ricchezze della città di Sanremo

38/365: Sanremo

Sanremo, capitale della riviera dei fiori, città dalle mille facce: da un parte la zona più antica nota come la Pigna e caratteristica per le case arroccate, le stradine ripide, i vicoli e le piazze, dall’altra la destinazione turistica moderna di fama mondiale. Durante il Festival poi Sanremo assume ancora un altro aspetto, diventa un mondo a parte. Proprio durante la rassegna musicale, il tempo in questa città sembra fermarsi e si viene catapultati in una dimensione quasi onirica. In un ampia insenatura della riviera ligure, offre tanti scorci interessanti anche dal punto di vista paesaggistico. Da sempre apprezzata per il buon clima, è una rinomata località turistica.

Sanremo Sanremo

Dove: in Liguria, in provincia di Imperia

Numero di abitanti: 55mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: per visitare Sanremo e tutta la zona l’ideale è avere almeno 5 giorni a disposizione. Anche perché il filo conduttore della visita non può che essere quello del relax e della calma con cui vedere l’intera area.

Da fare assolutamente: visitare Sanremo durante il festival, passeggiare nella parte più antica, conosciuta come la Pigna, il cuore pulsante della città dei Fiori. Questo non può assolutamente mancare durante una visita alla città della musica italiana per eccellenza. Passeggiare: solo così si può davvero assaporare l’atmosfera unica che la caratterizza.

Qualche consiglio: la riviera va vissuta, più che soltanto vista. Per questo è essenziale lasciare da parte mappe o indicazioni e ogni tanto perdersi nei vicoli, lasciarsi attirare da qualche vetrina di una bottega tipica della zona. Colori, suoni e odori: lasciatevi inebriare da tutto ciò che incontrate sul vostro cammino. E chiedete agli abitanti del luogo: loro sapranno farvi scoprire angoli e scorci suggestivi e spesso poco noti di questa città.

Da assaggiare: dalle olive taggiasche ai pinoli fino al classico pesto. Questa zona della Liguria ha un’inconfondibile identità gastronomica. Da provare anche i piatti a base di pesce.

Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *