In Abruzzo, nel cuore del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Santo Stefano di Sessanio 31/365: Santo Stefano di Sessanio 

Nel cuore del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, in un territorio dalla natura selvaggia e incontaminata. Il borgo di Santo Stefano di Sessanio, diventato famoso soprattutto in seguito all’apertura dell’albergo diffuso Sextantio, voluto dall’imprenditore italo-svedese Daniele Kihlgren, è un paese rimasto intatto nel tempo con un fascino particolare. Bello da visitare in tutte le stagioni, in inverno particolarmente suggestivo perché spesso è imbiancato dalla neve, questo piccolo paese in provincia dell’Aquila, è un esempio della bellezza d’Italia. Raccolto, ben conservato, caratteristico per i vicoli, le piazzette, le stradine e i paesaggi. Nel borgo poi non mancano le botteghe di artigianato come la casa museo del tombolo aperta da Daulia Pannunzio proprio all’ingresso del paese, dove si può vedere la tradizionale lavorazione del merletto a fuselli con cui si possono anche realizzare gioielli. Il paese è stato restaurato anche grazie al progetto che ha visto nascere l’alternativo esempio di ospitalità: l’alberto diffuso occupa una parte del paese che era stata abbandonata e permette di dormire in ambienti unici e che parlano di storia.

Dove: in Abruzzo, in provincia dell’Aquila

Numero di abitanti: circa 120

Da vedere in quanti giorni: il paese di Santo Stefano di Sessanio non è molto grande, il centro storico si visita in un paio d’ore, il bello di questa zona dell’Abruzzo però è la natura del Parco nazionale del Grand Sasso e Monti della Laga. Se potete concedetevi un weekend perché il territorio merita.

Da fare assolutamente: fare una passeggiata nel centro storico, entrare nella casa museo del tombolo e farsi raccontare da Daulia Pannunzio di questa antica tradizione artigianale, vedere l’albergo diffuso creato dall’imprenditore italo-svedese Daniele Kihlgren, visitare la Rocca Calascio a pochi chilometri e vedere la piana di Campo Imperatore.

Qualche consiglio: il paese è molto suggestivo, vale una visita non solo di giorno, ma anche la sera. Passeggiare per i vicoli del centro quando cala la luce è ancora più bello. Anche in inverno con la neve ha il suo fascino.

Da assaggiare: le tipicità da mangiare in Abruzzo si sa sono tante, sicuramente in questa zona vanno assaggiati gli arrosticini, la carne in generale e i formaggi. Molto buoni anche i primi piatti fatti in casa. Da provare l’osteria “La Bettola di Geppetto” nel centro storico.

Facebookpinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *