Nello Wiltshire per visitare il sito neolitico di Stonehenge, patrimonio dell'Umanità

43/365: Stonehenge

Chi ha portate lì quelle pietre? Che significato hanno? Com’è nato questo sito neolitico tra i più visitati dell’Inghilterra?
Domande, quesiti che la maggior parte della gente si pone davanti alla meraviglia di Stonehenge. Raggiungere questo luogo è semplice basta prendere un autobus o un treno da Londra fino a Salisbury. Stonehenge, infatti, si trova nello Wiltshire a circa 13 chilometri da questa cittadina inglese che vale una visita soprattutto per la cattedrale che è maestosa. Da Salisbury un autobus vi condurrà davanti al più celebre e imponente cromlech esistente, ovvero un circolo di pietra composto da megaliti disposti in cerchio, alcuni sormontati da pietre posizionate orizzontalmente. L’atmosfera che si respira in questo luogo è mistica e la sensazione che si prova sostando qualche minuto davanti a questi grossi massi è di grande stupore. Sembra che questo luogo rappresenti un antico osservatorio astronomico, anche se sono in molti ancora a dibattere e a studiare in merito al vero significato di questo posto, talmente particolare e bello da essere inserito nella lista dei patrimoni UNESCO dal 1986.

 

Dove: in Inghilterra, nello Wiltshire a circa 13 chilometri da Salisbury

Da visitare in quanti giorni: il sito di Stonehenge è visitabile in qualche ora, ma la vicina città di Salisbury merita almeno due giorni, pernottare qui e passeggiare per le strade di questa tipica località britannica è piacevole.

Da fare assolutamente: visitare il centro di Salisbury e la cattedrale che è considerata uno dei maggiori esempi del primo gotico inglese. Da non perdere anche una passeggiata al charter market, un mercato organizzato due volte la settimana in centro.

 

Qualche consiglio: Stonehenge è un luogo particolare che non ha eguali, il consiglio è di prendersi il tempo necessario per visitarlo e di rimanere qualche minuto in silenzio di fronte alle grandi pietre.

Da assaggiare: nella città vicina a Stonehenge non mancano locali e pub dove mangiare del buon cibo, bere cocktail e birre locali. Sicuramente da non perdere c’è il famoso fish and chips, ma anche i piatti di carne e gli hamburger.

Leggi anche “Perdersi in Inghilterra, il racconto di Katija”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *