Viaggiare coi bambini in treno: cosa c’è da sapere

Viaggiate in famiglia coi bambini piccoli e invece dell'auto preferite il treno? Ecco tutto quello che c'è da sapere prima di prenotare un viaggio

treno bambiniI bambini in treno pagano il biglietto oppure no?
Hanno diritto ad un posto assegnato?
Viaggiando coi bambini ci sono agevolazioni particolari?

Domande che spesso difficilmente trovano risposte in breve tempo, così quando una mamma, un papà o un’intera famiglia con bambini piccoli decidono di lasciare a casa l’auto preferendo il treno, non è così facile avere tutte le informazioni che servono prima di prenotare un viaggio.
Nessun problema, a questo ci pensiamo noi.

Partiamo dal quesito più frequente e importante: i bambini piccoli in treno pagano un regolare biglietto?
Anzitutto c’è qualche distinzione da fare. Ogni compagnia ha delle regole diverse.

Se viaggiate con Trenitalia i bambini possono salire gratuitamente a bordo se hanno un’età compresa tra 0 e 4 anni non compiuti. Non hanno diritto al posto a sedere, ma possono viaggiare in braccio. Da 4 a 14 anni la tariffa è scontata al 50% sul prezzo base.
Con Italo i bambini sotto i 36 mesi viaggiano gratis senza posto assegnato, stando in braccio ad un adulto. Se si viaggia con più di un bambino piccolo, è obbligatorio l’acquisto di un biglietto per la sicurezza dell’infante.

Queste sono le regole base, poi ci sono le offerte che sono sempre soggette a disponibilità.

Trenitalia per i bimbi a bordo ha pensato all’offerta “Bimbi Gratis” così come Italo che prevede un risparmio per chi viaggia coi piccoli.
La prima compagnia riserva lo sconto a gruppi familiari composti da 2 a 5 persone e consente ai minori di 15 anni di viaggiare gratis. Il gruppo deve essere composto da un maggiorenne e un ragazzo inferiore ai 15 anni. Gli altri componenti del gruppo pagano il prezzo base. L’offerta è valida per i treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e Intercity, sono esclusi i treni notte e il servizio executive.

Italo, invece, prevede un prezzo conveniente con l’offerta “Famiglia”. I bambini di età inferiore ai 14 anni viaggiano gratis con i genitori in ambiente smart. Il gruppo deve essere composto da un minimo di 2 persone a un massimo di 4 con almeno un viaggiatore maggiorenne. Gli adulti del gruppo pagano il prezzo equivalente all’offerta Flex. Sono esclusi i viaggi di domenica.

Una volta acquistato il biglietto è importante pensare a come trascorrere le ore in viaggio. Con Frecciajunior e il kit bimbi su Trenitalia, molto è dedicato all’intrattenimento dei bambini. Sulla rivista, distribuita gratuitamente al Freccia Bistrò, si possono trovare ogni mese giochi, quiz e servizi. Le famiglie che viaggiano coi piccoli hanno diritto ad un welcome drink con un kit dedicato ai bambini con uno snack dolce e uno salato, una bottiglietta di acqua naturale e un kit con colori e disegni o, per i più grandi, qualche gioco enigmistico. Il servizio è previsto sui treni in categoria business e premium, Frecciarossa e Frecciargento.

Italo, per i ragazzi, dagli 8 anni ai 14 non compiuti, offre il servizio Italo Junior. E’ l’ideale per chi non può accompagnare un minore in treno. Il costo del servizio è composto dal prezzo del biglietto da acquistare in ambiente Club Executive, con tariffa flex, a seconda della disponibilità e dal servizio di accompagnamento che ha un prezzo di 80 euro. Il servizio si può acquistare solo prenotando il posto al numero verde 060708, fino a 7 giorni prima della partenza compilando alcuni documenti.

Con Trenitalia “un viaggio da grandi” prevede un servizio di accompagnamento di un minore da parte di una hostess o di uno steward della società Elior Ristorazione Spa. Il biglietto ha un costo di 70 euro per ogni corsa del viaggio da aggiungere al regolare importo del ticket. Il servizio è attivo su alcuni treni e solo sul territorio nazionali. Grazie all’accordo con Mamma Cult è possibile trascorrere in modo divertente le vacanze e i weekend in Italia, prenotando una delle offerte pensate per i bambini.

bimbi gratis

 

 

Read more

capodanno, SPECIALE Comments (0) |

Capodanno coi bambini: dove andare

Se non avete ancora deciso dove andare a Capodanno e siete alla ricerca di un posto adatto anche per i bambini, ecco qualche consiglio utile

Avete già deciso dove passare il Capodanno? Siete organizzatissimi e già da qualche mese sapete dove andate o siete viaggiatori last minute e, fino all’ultimo minuto, aspettate a decidere che cosa fare e qualche meta raggiungere?

Qualche consiglio su dove andare a festeggiare la fine del 2018 e l’inizio del 2019 coi bambini.
Prima di tutto armatevi di pazienza e pianificate bene la preparazione delle valigie, evitate di portare la casa con voi, spesso serve poco, ma giusto per l’occasione.

E ora veniamo ad alcune mete adatte anche per i bambini:

mercatini arco Partiamo dal Trentino. Arco di Trento può essere una buona meta per festeggiare un bel Capodanno in famiglia. La vicinanza del lago di Garda conferisce a questa destinazione in provincia di Trento un clima piuttosto mite. Ad Arco non fa mai troppo freddo e questo è un valore aggiunto soprattutto per chi viaggia con piccoli a bordo.

Fino al sei gennaio nel centro del paese ci sono i mercatini di Natale con tante attività e iniziative dedicate ai bambini – ogni giorno si possono vedere gli animali in fattoria, c’è il trenino che porta i visitatori in giro per il paese e poi si può fare una bella passeggiata con gli asini- e il 31 di dicembre è in programma lo spettacolo del video mapping, alle 17.15 alle 18 e alle 18.30, davvero molto suggestivo.

La sera poi potete organizzare una cena in uno dei numerosi ristoranti presenti e poi festeggiare magari sul lago vedendo i fuochi d’artificio organizzati a Riva del Garda. E, se siete coi bambini, e volete iniziare l’anno vivendo la natura in modo avventuroso, il territorio offre molto per gli amanti dello sport, delle camminate all’aria aperta, dei percorsi in ferrata e arrampicata. Ce n’è per tutti i gusti!

gubbio capodannoTante iniziative per bambini e famiglie anche a Gubbio,  in Umbria, la città dell’albero di Natale più grande al mondo. Festeggiare il Capodanno in una delle città medievali più belle d’Italia, ha sempre un fascino particolare. Potete raggiungere la città magari già domenica 30 dicembre per fare un giro coi bambini tra i monumenti da non perdere.

Le attività dedicate ai piccoli sono numerose e affiancano i tanti eventi in programma a Christmas Land, il villaggio di Natale aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19.30 (il passaporto per l’ingresso si acquista su tiketone oppure in biglietteria in piazza 40 Martiri). Il 31 di dicembre continuano i mercatini natalizi e i laboratori per grandi e piccoli. Alle 23 festa di Capodanno in piazza Grande con musica e ingresso libero.

Se non avete mai visitato il Parco di Pinocchio a Collodi, in provincia di Pistoia, Toscana, Capodanno può essere l’occasione giusta. Il parco nato per celebrare il libro “Le avventure di Pinocchio” permette ai piccoli di rivivere le emozioni e le vicende del libro e ai grandi di tornare bambini seguendo i momento del libro italiano tra i più amati e conosciuti al mondo.

A Collodi, frazione di Pescia, l’autore Carlo Lorenzini detto appunto Collodi, aveva passato l’infanzia e poi era tornato da adulto. Capodanno può essere il momento giusto per visitare il Parco e fare un giro anche nel territorio. Qualche giorno da passare in famiglia in un luogo particolarmente adatto ai bambini dove ci si può divertire ripercorrendo le vicende di una delle favole più amate e raccontate.

 

Per consigli, mete, idee per un Capodanno in famiglia leggete il nostro Speciale Capodanno o scrivete a siparteconerika@gmail.com

Read more