Destinazione Fiumalbo

37/365 Fiumalbo

Inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia, il centro di Fiumalbo, piccolo paese in Emilia Romagna, proprio sul confine con la Toscana, è caratteristico per la sua fitta rete di stradine e vicoli che fanno del centro storico una bomboniera. Il borgo, inserito nell’area naturale protetta del Parco del Frignano è l’ideale per chi vuole passare qualche giorno a contatto con la natura. Percorsi a piedi, a cavallo, in bicicletta e la possibilità di sciare nel vicino comprensorio dell’Abetone, rendono questo posto perfetto anche per chi vuole fare sport e vivere qualche giorno in contatto con la natura.

Dove: in Emilia Romagna, in provincia di Modena

Numero di abitanti: circa 1250

Da visitare in quanti giorni: il centro storico di Fiumalbo non è molto grande, si visita in una giornata. A pochi chilometri di distanza però c’è la zona dell’Abetone perfetta per sciare in inverno e bella anche in estate. In questo territorio potete organizzare anche una vacanza di una settimana.

Da fare assolutamente: fare un giro nel centro storico di Fiumalbo, sciare nel comprensorio dell’Abetone.

Qualche consiglio: la zona dell’Appennino Tosco Emiliano è tutta da scoprire. Questo territorio può offrire tanto in ogni stagione, l’inverno e l’estate sono i due periodi migliori per visitare la zona.

Da assaggiare: la zona tra l’Emilia e la Toscana è l’unione di due cucine molto ricche. A Fiumalbo si mangiano i primi a base di tortellini e tortelloni, le zuppe di cavolo nero e per i secondi si trova spesso la tagliata di manzo. Non mancano le tutele, e i borlenghi farciti con lardo e salumi. Questa è la zona del mirtillo nero e tra i dolci da non perdere il croccante di Fiumalbo.

Read more

Girovagare è viaggiare
Così mi piace scoprire l’Italia e il mondo

Non programmo quasi niente, vado all'avventura, mi faccio guidare da ciò che mi colpisce così incontro persone speciali

viaggiareGirovagare senza meta.
Muovermi seguendo l’istinto.
Andare alla scoperta di un posto nuovo senza sapere molto di più di dove si trova.

Così mi piace viaggiare.

Nella vita sono abbastanza organizzata, mi piace pianificare, segnare tutto sull’agenda, essere sempre sul pezzo senza perdermi niente. Viaggiando però sono molto diversa. Non amo prenotare prima del tempo, anche perché difficilmente so quello che farò da una settimana all’altra. Non mi piace nemmeno leggere troppo sul posto che sto per raggiungere e penso che l’incontro con le persone sia il valore più grande.
Sono sempre in movimento, ogni volta che raggiungo una destinazione, la prima cosa che faccio è cercare di entrare in empatia con il posto in questione. Passeggio, fotografo, entro in un bar e parlo con chi trovo. Chiedo, faccio domande, parlo. Sì, è così: ho la chiacchiera facile e anche quando mi sposto in treno spesso mi piace scoprire la storia di chi viaggia come me. E’ bello perché incontro sempre persone particolari e, parlando con la gente, spesso mi stupisco perché imparo e scopro cose che non sapevo.

I luoghi insoliti da vedere, per esempio. Spesso vengo a conoscenza di quello che un posto può offrire proprio dai racconti di chi lo vive tutti i giorni.
E’ questo che amo di più del mio lavoro: essere autorizzata, da giornalista, a fare domande e, con i quesiti, poter sapere di più di quello che potrei conoscere senza andare a fondo.
Così ho scoperto che in Italia non ci sono solo i luoghi più conosciuti da vedere, ho imparato a visitare i posti più insoliti, ad assaggiare di tutto, ad apprezzare e a stupirmi davanti ai racconti delle tradizioni che in molti posti sono ancora vive e sentite.
Il consiglio che do a chi sta per partire è proprio quello di andare, di non organizzare un viaggio e di muoversi senza aspettative, di raggiungere un posto e poi una volta arrivati a destinazione di prenotare sul posto il luogo dove dormire.
In viaggio tutto cambia, le sensazioni, gli stati d’animo, le voglie. Scegliendo al momento sarà tutto più facile e sarà ancora più bello vivere l’avventura.

GUARDA LE FOTO DEL MIO GIROVAGARE 

Read more