Lago di San Ruffino

263/365: Lago San Ruffino

Un lago artificiale, un bacino d’acqua che dà un tocco in più ad una zona già meravigliosa dal punto di vista naturalistico. Nell’entroterra delle Marche, ai piedi dei Monti Sibillini, il lago di San Ruffino è da vedere. Non lontano dall’Abbazia che prende il nome dai Santi Vitale e Ruffino appunto, è anche considerato un lago fantasma. Infatti, essendo artificiale e costruito con un imponente diga che va ad interrompere il corso del fiume Tenna per creare un accumulo d’acqua in caso vi siano annate troppo siccitose, d’inverno scompare perché viene completamente svuotato. Un bel posto per passare qualche ora all’aria aperta, per fare una bella mangiata in uno dei ristoranti del posto o un semplice punto dove tornare per stare sereni e ritrovarsi.

Dove: nelle Marche a poca distanza dall’Abbazia dei Santi Vitale e Ruffino, non lontano da Amandola.

Numeri: il lago raggiunge una profondità massima di 15 metri e una superficie di 260 mila metri quadrati con un volume idrico di 2,5 milioni di metri cubi d’acqua.

Da vedere in quanti giorni: questa è la classica zona che si visita in pochi minuti o che può diventare un luogo dove passare il tempo libero anche più volte durante l’anno. Il lago di San Ruffino è particolare perché essendo artificiale, ad inizio autunno, viene svuotato e come per magia scompare.

Da fare assolutamente: passare qualche ora sul prato all’aria aperta proprio accanto al lago, mangiare in uno dei ristoranti che si trovano sulle sponde di questo bacino d’acqua artificiale.

Qualche consiglio: vivetelo d’estate e se siete in zona non perdete l’occasione di vedere anche la vicina Abbazia dei Santi Vitale e Ruffino, è a circa un chilometro di distanza dal lago.

Da assaggiare: in questa zone delle Marche si mangiano le classiche tipicità della Regione. Dai salumi locali come il classico ciauscolo, salame spalmabile, alle carni, fino ai primi piatti della tradizione come i vincisgrassi.

Read more

Destinazione Anguillara Sabazia

197/365: Anguillara

Uno dei quei luoghi meno conosciuti, nascosti, fuori dalle principali rotte turistiche. Anguillara Sabazia è un caratteristico borgo lacustre situato sui rilievi dei Monti Sabatini, nel Lazio. Non lontano dal lago di Bracciano e a poca distanza anche da quello naturale di Martignano, Anguillara ha una storia antica che si fa risalire intorno al I, II secolo a. C. Sembra che il nome derivi dalla forma ad angolo della villa che una ricca patrizia romana “Rutilia Polla” possedeva sulle sponde del lago. Oltre al paese che è molto particolare, sono anche molti i luoghi da vedere nelle vicinanze. I dintorni permettono di organizzare anche itinerari di qualche giorno. Da non perdere sicuramente la vicina Bracciano con il castello, ma anche Trevignano Romano e il borgo disabitato di Galeria Antica.

Dove: Anguillara Sabazia si trova nel Lazio, fa parte della città metropolitana di Roma.

Numero di abitanti: questo centro, affacciato sul lago di Bracciano, a circa 30 chilometri dalla città eterna conta quasi 19 mila e cinquecento abitanti.

Da vedere in quanti giorni: Anguillara si visita anche in una giornata, è la meta giusta per organizzare un weekend o una gita fuori porta. Concedetevi almeno 2 giorni.

Da vedere assolutamente: fare una passeggiata nel paese che è molto caratteristico, vivere il lago di Bracciano su cui si affaccia Anguillara.

Qualche consiglio: nel territorio di Anguillara ricadono anche le sponde del lago di Martignano, un luogo particolarissimo, incontaminato che vale una visita.

Da assaggiare: gli abitanti di questo territorio da tempo coltivano frutta e verdura, legumi, formaggi e hanno bestiame. Non manca poi chi produce vino e olio. Questa tradizione si è mantenuta nel tempo. Nei ristoranti locali, infatti, si mangiano prodotti del territorio, ricette tradizionali e si assaporano gusti genuini.

 

Read more