Destinazione Cracovia

254/365: Cracovia 

Per lungo tempo capitale del paese, oggi luoghi di grande interesse sotto il profilo artistico e culturale, Cracovia, città nella Poponia meridionale è un luogo da scoprire. Basta qualche giorno per rimanere abbagliati da tanta storia e bellezza, e basta una visita per volerci tornare ancora e ammirare tutta la ricchezza del centro centro storico e non solo. Città universitaria, qui ha sede l’ateneo più antico del paese e anche d’Europa, è la meta turistica principale della Polonia. Per conoscerla e scoprirla ci vuole qualche giorno. Cominciate con una passeggiata nella zona più antica con l’immensa piazza centrale, che la rende famosa in tutto il mondo. Capitale della cultura nel 2000, Cracovia è stata sede arcivescovile dal X secolo e ne fu vescovo il papa Karol Wojtyla.

Dove: Cracovia è una città polacca, una delle più antiche ed estese dello Stato, si trova nella parte meridionale. E’ stata a lungo la capitale del paese e oggi rimane comunque il principale centro culturale e artistico.

Numero di abitanti: la città conta circa 762 mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: i tanti luoghi da vedere dal punto di vista artistico e culturale, il centro storico che merita una passeggiata, e i vicini posti da non perdere fanno di questa città una meta per un lungo weekend. Quattro o cinque giorni sono il tempo ideale per visitare questa destinazione.

Da fare assolutamente: visitare la città veccia, considerata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, vedere il capolavoro di Leonardo Da Vinci, la dama con l’ermellino, custodito al museo Czartoryski, fare il giro tra i luoghi di Papa Wojtyla.

Qualche consiglio: a circa 13 chilometri dal centro non perdete le meravigliose miniere di sale di Wieliczka.

Da assaggiare: entrare in una jadłodajnia, trattoria tipica del luogo, è il modo migliore per assaggiare le specialità della tavola. In Polonia non ci sono particolari piatti conosciuti, sicuramente a Cracovia potete mangiare i piroghi, ravioli ripieni di formaggio e carne, le zuppe come quella di barbabietole barszez oppure la chlodnik e il bigos, uno stufato di carne.

 

Read more

Destinazione Parco nazionale di Białowieża

Andiamo a fare un giro in Polonia

206/365: Parco nazionale di Białowieża

Una delle più antiche riserve naturali d’Europa, in parte comprende la foresta di Bialowieża che abbraccia sia la Polonia sia la Bielorussia. Il parco nazionale Bialowieża  è stato fondato nel 1932 e comprende una superficie di boschi con varie specie, ancora conservati allo stato naturale. Visitandolo vi accorgerete della quantità di alberi di enormi dimensioni e nella foresta la presenza dei bisonti europei (in questo luogo incontaminato vivono circa 260 bisonti in libertà). Un luogo magico per gli amanti della natura, da vedere almeno una volta nella vita. Per la sua bellezza questo sito è iscritto sull’elenco dell’eredità mondiale dell’umanità e sull’elenco delle riserve della biosfera dell’Unesco. 

 

Dove: in Polonia, in parte sul confine con la Bielorussia.

Estensione: la superficie di questo meraviglioso polmone verde è di circa 102 chilometro quadrati. Il parco protegge una piccola porzione di una più vasta foresta, la Białowieża Forest, un luogo incontaminato di circa 1.200 chilometri quadrati sul confine tra la Bielorussia e la Polonia.

 

Da vedere in quanti giorni: questo territorio è ideale soprattutto per gli amanti di posti insoliti e gli amanti della natura selvaggia e vergine. L’ideale per visitare questa zona della Polonia è avere almeno una settimana a disposizione.

Da fare assolutamente: vedere la Białowieża Forest, famosa in tutto il mondo per la presenza di bisonti. Godere della natura incontaminata difficile da vedere così altrove. Nel parco è possibile organizzare itinerari turistici, visite a piedi nella riserva con guida e gite in calesse, slitta o bicicletta. Visitare il parco è anche l’occasione per organizzare un tour in Polonia dove c’è molto da scoprire.

Qualche consiglio: questa zona della Polonia è particolare, il consiglio è di organizzarvi per tempo e visitare anche alcune città vicine.

Da assaggiare: tra i numerosi piatti tradizionali da provare i Pierogi, ravioloni di pasta ripieni di carne, di verdure o di frutta, serviti semplicemente bolliti o fritti, sia dolci che salati, le zuppe come il Zurek. Da provare anche la cotoletta panata e fritta che non è una specialità solo milanese ed austriaca. Anche in Polonia è un piatti tipico.

Read more