Destinazione Siena

Fra Palio, cibo e arte, il viaggio nella città toscana

156/365 Siena

Arte, storia, tradizioni, buon cibo: in una parola Toscana. Cosa c’è di meglio che fare un giro di qualche giorno proprio in Toscana. Un fine settimana, ma anche qualche giorno in più per assaporarne i profumi e le tradizioni e per visitare luoghi ricchi di storia. Il mio viaggio fa tappa a Siena, la città nota in tutto il mondo come la culla del Palio più famoso.

Dove: nel cuore della Toscana.

Numero di abitanti: quasi 54.000 abitanti.

Da vedere in quanti giorni: per riuscire a visitare le attrazioni più importanti di questa città si possono utilizzare due o tre giorni, ma se si vuole cercare di conoscere la città in maniera più approfondita e magari visitarne anche i dintorni è necessaria circa una settimana.

Da fare assolutamente: Siena è in tutto il mondo sinonimo di piazza del Campo e di Palio. Quindi se capitate in questa città nel periodo estivo non potete non cercare di capire il complicato e affascinante mondo delle contrade che la caratterizza. E, se potete, non fatevi sfuggire l’occasione di vedere dal vivo il famoso Palio. Il centro storico di Siena è stato inserito nel Patrimonio dell’umanità dell’Unesco, quindi un giro vale davvero la pena. Il Duomo, il battistero di San Giovanni e la chiesa della Santissima Annunziata sono gli edifici da non perdere.

Qualche consiglio: i palazzi che sono vere opere d’arte non mancano di certo in questa città, perciò il consiglio che mi sento di dare è di fare più passeggiate possibili con il naso all’insù e di guardarsi intorno quando si cammina. Le eccellenze a Siena sono davvero numerose.

Da assaggiare: pici, gnudi, zuppa senese con fagioli. Questi sono alcuni dei piatti che si possono mangiare da queste parti. Insieme al salame di cinta, i fagioli all’uccelletto e il panforte. Non manca davvero nulla per creare un menù dai sapori forti e sicuramente da provare

Read more

Destinazione La Spezia

Al confine fra Liguria e Toscana: viaggio nel Golfo dei Poeti

105/365 La Spezia

Le zone di confine sono spesso i luoghi in cui si sviluppano le maggiori forme di arte e gli aspetti culturali più interessanti. In Italia le zone al confine fra le diverse regioni hanno spesso caratteristiche uniche e proprio per questo motivo meritano una visita. Allora prendiamo lo zaino e andiamo al confine fra Liguria e Toscana. Andiamo a visitare La Spezia.

Dove: a Levante in Liguria, a pochi chilometri dal confine con la Toscana.
Numero di abitanti: circa 93.500 abitanti.
Da vedere in quanti giorni: La Spezia è una città ricca di luoghi attrattivi e quindi servono almeno tre giorni. La Spezia è al centro del Golfo dei Poeti, uno dei luoghi più magici ed evocativi di tutta Italia e per questo se si vuole visitare anche i dintorni della città è necessario qualche giorno in più.
Da fare assolutamente: la natura da queste parti è davvero suggestiva, quindi impossibile non fare una bella passeggiata – meglio muoversi il più possibile a piedi, per godere dei panorami mozzafiato che l’intera zona offre ai visitatori – e godersi il paesaggio. Il centro storico merita davvero una camminata, mentre per lo shopping ci sono diverse strade ma quella più ricca di negozi è senza dubbio la centralissima via Fiume.
Qualche consiglio: limitarsi a La Spezia rischia di essere riduttivo. Se avete pochi giorni, la città è l’ideale ma se potete stare dalle parti del Golfo dei Poeti un po’ di più non perdetevele tante eccellenze circostanti. Porto Venere, ad esempio, con la suggestiva isola Palmaria.
Da assaggiare: sua maestà la farinata è fra i piatti tipici di questa zona d’Italia. E, ve lo assicuriamo, la farinata che si può assaggiare da queste parti è diversa dalle altre. Poi acciughe, baccalà, muscoli ripieni, la tradizionale panissa: insomma c’è ogni genere di sapore. E tutti sono da provare assolutamente.

Read more