Destinazione Ostuni

Oggi vi porto in Puglia a scoprire la città bianca

176/365: Ostuni

Città bianca in Puglia, Ostuni è uno dei luoghi da non perdere in provincia di Brindisi. Un centro molto particolare e piacevole da visitare soprattutto nelle sere d’estate quando il paese antico sembra il teatro di una favola. Il motivo per cui è stato scelto il bianco è dovuto al fatto che questa città è stata più volte colpita dalla peste e coprire i muri con la calce permetteva di igienizzare la zona. Bagnati da un mare pulito e limpido, la città e la costa hanno ottenuto riconoscimenti importanti. Dalla storia molto antica, oggi Ostuni è un rinomato centro turistico molto frequentato soprattutto in estate. Meta di vacanza di chi sceglie la Puglia per passare i mesi più caldi, si trova nel territorio della Murgia e insieme ad Otranto e altri centri vicini è una delle perle del Salento.

Numero di abitanti: Ostuni, detta anche città bianca, conta quasi 31 mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: la città di Ostuni non è molto grande, si visita anche in una giornata. Questa zona della Puglia è anche perfetta per trascorrere piacevoli e lunghe vacanze al mare.

Da fare assolutamente: vedere il centro storico caratteristico per le case bianche, la cattedrale di Santa Maria Assunta, risalente al 1400, vedere la bella piazza della libertà, il museo civico che racconta la storia passata del paese e del territorio e da non perdere c’è a qualche chilometro il parco archeologico naturale Santa Maria Agnano.

Qualche consiglio: Ostuni in estate è una meta gettonatissima, l’ideale è frequentarla a giugno o a settembre.

Da assaggiare: ricchissima di piatti da assaggiare, la cucina pugliese è tra le più varie e gustose d’Italia. Ad Ostuni oltre alle orecchiette fatte in casa potete mangiare la frittata alla menta, patate riso e cozze, ma anche i taralli, un timballo di zucchine e melanzane fritte e l’ncapriata, un piatto ricco di sapori.

Read more

TourInTime, ottimizzare il tempo in viaggio: ecco l’idea di Erika Mariniello

L'app servirà per dare consigli di viaggio e utilizzare bene il tempo a disposizione in base ai propri interessi

Avete presente quando chiedete ad amici e parenti “Sarò per tre o quattro ore in quella città e non so cosa fare. Non mi va di rimanere in stazione o in aeroporto, vorrei fare qualcosa. Avete consigli da darmi?” E non ricevete risposte utili per un tempo così esiguo?

Supportando il progetto di TourInTime questo problema si risolverà. Di cosa si tratta? TourInTime è un’idea di Erika Mariniello che prende le mosse da una necessità essenziale, che è poi uno dei concetti chiave che accomunano tutti i lettori di Si Parte con Erika, ovvero quella di viaggiare e soddisfare la curiosità di conoscere il mondo utilizzando il tempo a disposizione. Questo progetto che sarà costituito da un sito internet e da una app per smartphone si propone proprio di fare da guida a chi si trova in un luogo per un tempo limitato, ma vuole comunque soddisfare alcune curiosità e conoscere aspetti nuovi di quella città o paese.

La sperimentazione prenderà il via dal territorio delle Marche e poi si estenderà via via a tutta l’Italia. La partecipazione degli utenti è però fondamentale per il suo sviluppo. Come tutte le start up, infatti, anche TourInTime ha bisogno di fondi per crescere. Come fare per conoscere meglio TourInTime e per sostenere l’iniziativa? Basta andare sulla piattaforma Eppela cliccando qui e scegliere quanto donare. Ogni contributo è prezioso, perché significa che chi lo ha donato ci ha messo il cuore.

Un progetto ambizioso? Senza dubbio, ma solo chi osa può riuscire a volare. E magari con il sostegno di tutti voi appassionati di viaggi questo progetto potrà entro breve cominciare a volare.

A cosa serviranno i finanziamenti? A creare in prima battuta un team di esperti e conoscitori del territorio che potranno consigliare i viaggiatori. Dopodiché si passerà alla seconda fase, quella di sviluppo anche tecnologico vero e proprio. Il terzo e ultimo passo sarà quello di sperimentazione proprio fra i viaggiatori e utenti.

Cristiana Mariani

Read more