Nella notte forti scosse di terremoto hanno colpito il centro Italia. Danni nei paesi di Amatrice e Accumoli in provincia di Rieti, Arquata del Tronto e la frazione di Pescara del Tronto, vicino ad Ascoli Piceno

*foto di Amatrice (fonte Youreporter Angelo Iervolino)

terremoto

Amatrice (foto fonte Youreporter – di pennabiancalive)

La terra trema. Qualche secondo, attimi che sembrano durare secoli. Il senso di incertezza è tanto, è tanta anche la paura perchè ciò che normalmente è fermo sotto i piedi si muove, balla. E questa notte, quando la terra ha iniziato a ballare fortissimo stavo sognando: c’era il terremoto. Dormivo da qualche ora, non ricordo cosa avessi in testa ma la sensazione di essere svegliata da qualcosa di indecifrabile, di incredibile e fuori controllo vi assicuro che mi rimarrà in mente per molto tempo. Per me era la prima volta. Non avevo mai sentito qualcosa di simile. Pensavo fosse un sogno appunto. Poi ho sentito un forte allarme, ho visto la luce del vicino di casa accendersi, il brusio della gente. Mi sono subito affacciata alla finestra e ho sentito che per tutti era stata la stessa sensazione. Tanta paura, la terra aveva davvero tremato.

terremoto

Amatrice (foto fonte Youreporter – di pennabiancalive)

Qualche secondo, un minuto forse, attimi lunghissimi. Perchè quando la terra trema non sai davvero cosa fare, sono corsa da Zoe che per fortuna non ha sentito niente, e ho realizzato piano piano quello che poteva succedere. Ho acceso subito il televisore, all’inizio nessuno ne parlava, i social, media attenti dell’era moderna hanno raccontato tutto fin da subito. Sensazioni condivise in tempo reale. Messaggi, telefonate di chi come me era nelle Marche e ha avvertito la prima forte scossa, alle 3 e 38 minuti. Una paura condivisa, più facile da affrontare, più semplice da capire se vissuta insieme.

terremoto

danni anche a Macerata

E’ passata un’ora ed ecco un’altra scossa. Dormire è imposibile, in queste situazioni si pensa sempre al peggio, l’istinto di conservazione emerge ed è ancora più forte. Stanotte la gente è scesa in strada, impaurita dall’ingnoto che caratterizza i fenomeni naturali che sconvolgono l’uomo. Qualche minuto dopo la prima forte scossa sono iniziati gli speciali dei telegiornali, le notizie hanno iniziato a girare veloci. Si parla di tre paesi colpiti, di feriti, grossi danni e di morti. Amatrice, vicino a Rieti, Arquata del Tronto e la frazione di Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno sono le zone più colpite. Lì le scosse non hanno fatto solo paura, hanno cambiato la vita della gente, modificato i centri storici, gli scorci e i paesaggi. Hanno distrutto quello che la storia aveva creato, hanno minato la serenità della gente, hanno portato scompiglio e lacrime. Vedere tutto questo da non troppo lontano è stato ancora più toccante. Con queste immagini negli occhi, un po’ d’ansia e preoccupazione ho cercato di riprendere sonno. La terra ha tremato ancora per la terza volta, la scossa è stata più lieve, d’assestamento. Ho cercato di chiudere gli occhi per riposare qualche ora. Ma mi sono svegliata poco dopo. Sono uscita di casa e ho notato che tutti oggi hanno la stessa paura negli occhi. E’ il terremoto che rimarrà forse solo un ricordo, ma di certo indelebile.

COSA FARE DURANTE IL TERREMOTO. I CONSIGLI DELLA PROTEZIONE CIVILE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *