"Scatta la primavera" ha immortalato gli angoli suggestivi dei Monti Azzurri

Trentasette fotografie, numerose emozioni: il contest fotografico “Scatta la primavera”, indetto dall’Unione Montana dei Monti Azzurri per promuovere il territorio attraverso gli occhi, e gli obbiettivi, dei numerosi appassionati di fotografia che vivono nelle Marche, si è chiuso con un vincitore. Federico Monachesi, giovane di Serrapetrona in provincia di Macerata, ha conquistato il primo posto fra i diciassette partecipanti al concorso.

Partecipanti che da tutta Italia hanno scelto di visitare le Marche e immortalare in qualche scatto le suggestioni di un territorio ricco di storia e panorami mozzafiato come è quello dei Comuni che fanno parte dell’Unione Montana dei Monti Azzurri.

Un territorio che sta cercando di aprirsi sempre di più tanto ai cittadini marchigiani quanto ai tanti visitatori che ormai quotidianamente frequentano questo territorio alla scoperta di questi panorami incontaminati e delle tipicità che rendono l’intera zona davvero unica

Al vincitore sarà consegnato un cesto di prodotti tipici durante un evento che sarà organizzato in collaborazione con il Giardino delle Farfalle di Cessapalombo, altra realtà in grande sviluppo che attira sul territorio migliaia di visitatori di ogni età oltre ai tanti appassionati della natura.

Il concorso si inserisce in un più ampio lavoro di promozione turistica su cui sta puntando particolarmente in questi mesi l’Unione Montana avvalendosi di professionisti con azioni mirate sui canali social attraverso le pagine Facebook e Instagram dell’ente. Un ente che, valorizzando il territorio, punta a far emergere tutte le particolarità e le bellezze di luoghi incontaminati e autentici di una zona della regione da visitare e scoprire.

Il contest fotografico “Scatta la primavera” vinto da Federico Monachesi è quindi una delle numerose iniziative che in questi mesi stanno caratterizzando una realtà, quella dell’Unione Montana, che sta vivendo un periodo di grande trasformazione. I prossimi saranno mesi di ulteriore fermento: gli appuntamenti non mancheranno di certo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *