Un capitolo importante della mia vita, quando una passione diventa un lavoro!

marcopolo

Dolomiti

Mi è capitato spesso di raccontarlo in questi giorni. Perché qui nelle Marche, regione dove vivo da qualche anno, mi conoscono come “la milanese” che si è trasferita nel centro Italia, la giornalista che gira sempre con la macchina fotografica o la telecamera in mano, quella che parla dei viaggi che ha fatto e di quelli che non vede l’ora di fare, quella che dice mille volte al giorno le parole “itinerari” e “turismo”, ma non sanno da dove nasce questa mia grande passione! In realtà la storia del mio continuo girovagare ha origini ben più lontane. Nasce da basi già molto solide, quando da piccola amavo andare in vacanza sempre in un posto nuovo e già a cinque anni dicevo con grande convinzione che, da grande, avrei fatto la giornalista.

marcopolo

Rimini

Il tempo passa, supero indenne i 5 anni di liceo classico e mi iscrivo in Cattolica a Milano per studiare “Linguaggi dei media” (un corso della Facoltà di lettere). Qualche anno più tardi un curriculum inviato nel momento giusto al posto giusto, dal cuore della Brianza mi catapulta a Roma, per iniziare un altro capitolo della mia vita. Intenso, emozionante, pieno di fai e disfa la valigia, di incontri, soddisfazioni, ostacoli e momenti di grande felicità.

Roma, la città che più amo in assoluto. Tutto è partito da lì. Da un altro curriculum inviato al posto giusto nel momento giusto. Da un colloquio dove ho dato il meglio di me. E subito dopo da un incarico importante. Quello di consigliare a milioni di telespettatori, davanti alla telecamera, dove e come passare un week end in Italia.

Così, da un giorno all’altro ho iniziato a capire che la mia più grande passione poteva davvero diventare un lavoro. Professione che incredibilmente, nonostante tutto – i cambiamenti di vita, di casa, di città, l’essere diventata mamma – porto avanti ininterrottamente da ben 10 anni. Non ci potevo credere, nell’ottobre del 2006 a 24 anni appena compiuti stavano affidando a me “Week end”, un programma televisivo da gestire, condurre e curare per il canale di Sky Marcopolo.

Un’esperienza incredibile fatta di alti e bassi, di insegnamenti, sorrisi, lacrime, soddisfazioni ma, soprattutto, di viaggi e scoperte.
Dalla puntata zero registrata fuori Roma, ad Ariccia, fino agli incontri più emozionanti come l’anziano signore che ho intervistato a Vetralla, nella Tuscia, mentre lavorava nella sua vecchia fornace. Così ho capito che viaggiare mi faceva stare bene. E farlo per lavoro era la fortuna più grande.
Ottanta puntate, pensate, scritte, girate, realizzate. Ottanta posti, ottanta storie, ottanta ricordi.

marcopolo

Viterbo

Da Ortisei sulle Dolomiti alla Riserva dello Zingaro in Sicilia. La puntata girata ad Urbino e in altri bellissimi centri marchigiani. Poi la Sardegna, dalle spiagge all’entroterra. Gli eremi visitati in Abruzzo, il lago d’Orta e l’isola di San Giulio. Il tartufo bianco di Alba, Sperlonga, i borghi della Tuscia. Vicenza e il Palladio. I butteri in Maremma e l’esperienza di veder nascere un vitello dal vivo. Le passeggiate a cavallo, le sciate, la pesca al largo, Alghero, il corallo. I piatti tipici, il formaggio di fossa, i musei, le foreste, i luoghi incontaminati, il mare, la montagna, le leggende, le storie della gente.

Un insieme di momenti che non dimenticherò mai e che sono stati il punto di partenza di un viaggio che sto ancora facendo. Soddisfazioni che ogni tanto mi fa bene ricordare per continuare a far sì che la passione per il mio lavoro possa essere parte della mia vita, tutti i giorni. Esperienze che non posso scordare come le persone che hanno condiviso con me questi momenti. A partire da Duilio, il gestore del ristorante dove ho lavorato appena mi sono trasferita nella Capitale, che ha sempre creduto in me e, dandomi un lavoro, mi ha permesso di rimanere a Roma. Passando per gli operatori, i fonici, i tecnici con cui ho condiviso i momenti in troupe in giro per l’Italia, i montatori che hanno trasformato il girato in storie e racconti. Professionisti che mi hanno insegnato a stare davanti alla telecamera e a dare un senso alle immagini. Fino al direttore di rete che mi ha permesso di imparare un mestiere, i colleghi con cui ho condiviso soddisfazioni e fatiche e l’Italia che con tutte le sue immense bellezze mi ha agevolato di molto il lavoro!

LEGGI LE ALTRE COLLABORAZIONI 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *