Diario di una giornalista in viaggio

ACQUISTA IL MIO LIBRO DI VIAGGI
Articoli

Bonus vacanze, ecco cosa c’è da sapere

Un bonus per godersi qualche giorno di vacanza. L’idea di avere dei soldi a disposizione per viaggiare sembra buona. Sembra perché il tanto chiacchierato bonus, come molti altri sussidi e agevolazioni che tentano di rendere meno amaro un periodo difficile come quello che stiamo vivendo, teoricamente è una buona idea, ma praticamente non è così semplice né da richiedere né da utilizzare.

Sulla richiesta ormai è cosa fatta, chi ha avuto la pazienza e la voglia di scaricare l’app IO, di seguire tutte le procedure entro il 31 dicembre 2020, oggi si ritrova con un codice da utilizzare con una proroga fino a fine dicembre 2021. Cinquecento euro se si tratta di una famiglia di 3 persone, 300 per due e 150 euro per i nuclei familiari composti da una persona. Fin qui è tutto chiaro, il problema sorge quando si decide di utilizzarlo.

Come si fa ad utilizzare il bonus vacanze?
Ecco 3 informazioni importanti da sapere

  1. La prima informazione da sapere è che il bonus va usato in un’unica soluzione e l’importo scalato dal fornitore del servizio turistico è pari all’80 per cento del totale, il restante per cento verrà rimborsato sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi relativi al 2020. Il consiglio è di cercare un’offerta che sia dell’importo del bonus o leggermente superiore, in modo da sfruttarlo completamente. L’eventuale residuo non è infatti utilizzabile.
  2. Anche se tra le ultime novità sembra che il bonus possa essere utilizzando anche rivolgendosi ad agenzie e acquistando una vacanza su un sito che aggrega più strutture e fa da tramite tra albergatori e turisti, in realtà non è così semplice sfruttarlo in questo modo. Il consiglio è quello di cercare la struttura anche in siti Internet più conosciuti per le prenotazioni, ma di chiamare in struttura e parlare con i gestori per sapere se accettano effettivamente il bonus, in che periodi e soluzioni.
  3. Al momento del pagamento in struttura, uno dei componenti del nucleo familiare, anche diverso da chi ha ufficialmente richiesto il bonus, dovrà comunicare il codice univoco o QR-code ottenuto dall’app IO. Dopo aver verificato la validità il gestore della struttura applica lo sconto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER