Tra Marche e Abruzzo: 3 borghi da vedere

panorama
Facebooklinkedinmail

Il viaggio che comincia senza organizzazione o dettagliati programmi, per me, è sempre stato il migliore. In molti spesso mi chiedono quanto tempo impieghi a definire un itinerario, a decidere la strada da percorrere o i luoghi da vedere. La mia risposta è sempre la stessa: poco, molto poco.
Anzi, a dire il vero, solitamente parto sapendo quasi nulla di quello che vedrò.

Il viaggio per me è questo: scoperta, incontri, aneddoti, scorci che mi ammaliano e che mi rimangono in mente.
Così sono partita per Campli, uno dei borghi più belli d’Italia, in provincia di Teramo, in Abruzzo. Un paese che ho più volte, raccontato in tv e inserito tra le mete consigliate nel mio libro Si parte con Erika. Luogo di pellegrinaggi per la scala Santa e per i buongustai grazie alla porchetta e alla sagra più antica d’Abruzzo che quest’anno si terrà, nonostante tutto, a fine agosto.
Campli parlando di questo viaggio era la meta certa, quella dove sarei dovuta arrivare per l’evento Farnesiana, giunto alla quinta edizione, a cui sarei intervenuta parlando di viaggi e del mio libro.

montedinove Per arrivarci però ho seguito l’istinto. Strade di campagna, paesaggistiche e da percorrere a rallentatore. Deserte, senza traffico ma con tante immagini di natura da ammirare, chilometro dopo chilometro. Immagini come quella di Montedinove, un borgo piccolissimo che ho incontrato sul cammino. La provincia è quella di Ascoli Piceno, nelle Marche, il paese è un gioiello arroccato. Fermarsi è d’obbligo. Lasciata l’auto lungo le mura basta una passeggiata per scoprire tutto il paese. Tutto intorno è il panorama a colpire, ovunque giri lo sguardo c’è qualcosa di bello da guardare. Una sosta poi è d’obbligo in piazza.

montedinove L’incontro – l’anima dei miei viaggi e i ricordi più intensi – è stato quello con Pamela “Pam pam per gli amici” che gestisce il bar in piazza “Le Pam Pam” appunto. Da una birra fresca da sorseggiare per un aperitivo ad una fiamminga di verdure del suo orto, preparate con amore immenso, frittelle e focacce fatte al momento con mortadella, il passo è stato immediato. montedinove Un’esperienza a tutti gli effetti da raccontare e da rifare.
Un’altra ora di viaggio verso l’Abruzzo. Un’altra ora bellissima guardando fuori dal finestrino e riflettendo su quanto sia bella l’Italia con tutte le sue sfumature.
Ritornare in un posto già visto è sempre una bella avventura perché un luogo va assaporato, metabolizzato e rivissuto in più momenti. Con Campli così è stato. Bello tornarci d’estate, bello essere ospite ad un evento organizzato in piazza. “BorGo” e “Farnesiana”, due momenti per parlare di viaggi, mangiare sotto le stelle e vedere i principali luoghi d’interesse anche la sera perché aperti fino alle 23. Per dormire poi non potevano consigliarmi posto migliore. godere agricolo Godere agricolo: segnatevi il nome di questo agriturismo per dormire e mangiare divinamente in campagna.

civitella del tronto Il giorno dopo un’altra scoperta. Questa volta complice un messaggio di un lettore di Si Parte con Erika (libro, sito e pagina facebook). Il bello è che io consiglio posti da una vita, ma quando qualcuno mi dice “perché non vai a vedere questo o quest’altro luogo?” io sono felice di poter seguire i consigli di chi come me ama viaggiare. civitella del tronto Civitella del Tronto, ecco un nuovo paese da scoprire che vedo superando una curva sulla strada secondaria che ancora una volta ho scelto di percorrere. Il colpo d’occhio è incredibile, il paese sembra un quadro, incastonato in un punto che più panoramico non si può. Il parcheggio è poco fuori dal borgo, camminare tra i vicoli permette ad ogni passo di vedere qualcosa di bello, sullo sfondo sempre il Gran Sasso e i Monti Gemelli. civitella del tronto La camminata è piacevole e percorrendo i vicoli del centro storico poco dopo arriva la scoperta più grande. La fortezza in cui entrare (il biglietto intero costa 6 euro) è fondamentale per ritornare dal viaggio con qualcosa in più.

civitella del tronto

Facebooklinkedinmail

Una risposta a “Tra Marche e Abruzzo: 3 borghi da vedere”

  1. Luca Dominici dice: Rispondi

    Brava Erika….un gran bel giro!

Lascia un commento