Destinazione Cracovia

254/365: Cracovia 

Per lungo tempo capitale del paese, oggi luoghi di grande interesse sotto il profilo artistico e culturale, Cracovia, città nella Poponia meridionale è un luogo da scoprire. Basta qualche giorno per rimanere abbagliati da tanta storia e bellezza, e basta una visita per volerci tornare ancora e ammirare tutta la ricchezza del centro centro storico e non solo. Città universitaria, qui ha sede l’ateneo più antico del paese e anche d’Europa, è la meta turistica principale della Polonia. Per conoscerla e scoprirla ci vuole qualche giorno. Cominciate con una passeggiata nella zona più antica con l’immensa piazza centrale, che la rende famosa in tutto il mondo. Capitale della cultura nel 2000, Cracovia è stata sede arcivescovile dal X secolo e ne fu vescovo il papa Karol Wojtyla.

Dove: Cracovia è una città polacca, una delle più antiche ed estese dello Stato, si trova nella parte meridionale. E’ stata a lungo la capitale del paese e oggi rimane comunque il principale centro culturale e artistico.

Numero di abitanti: la città conta circa 762 mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: i tanti luoghi da vedere dal punto di vista artistico e culturale, il centro storico che merita una passeggiata, e i vicini posti da non perdere fanno di questa città una meta per un lungo weekend. Quattro o cinque giorni sono il tempo ideale per visitare questa destinazione.

Da fare assolutamente: visitare la città veccia, considerata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, vedere il capolavoro di Leonardo Da Vinci, la dama con l’ermellino, custodito al museo Czartoryski, fare il giro tra i luoghi di Papa Wojtyla.

Qualche consiglio: a circa 13 chilometri dal centro non perdete le meravigliose miniere di sale di Wieliczka.

Da assaggiare: entrare in una jadłodajnia, trattoria tipica del luogo, è il modo migliore per assaggiare le specialità della tavola. In Polonia non ci sono particolari piatti conosciuti, sicuramente a Cracovia potete mangiare i piroghi, ravioli ripieni di formaggio e carne, le zuppe come quella di barbabietole barszez oppure la chlodnik e il bigos, uno stufato di carne.

 

Read more

Destinazione Paestum

252/365: Paestum

Un’antica città della Magna Grecia, chiamata Poseidonia dai chi la fondò in onore di Poseidone. Paestum, in Campania, in provincia di Salerno, è luogo da vedere. Un posto unico che parla di storia, di un passato antichissimo che ancora oggi si palesa in tutto il suo splendore agli occhi dei visitatori. Quello che si visita è una parte della città che corrisponde alla zona principale, il cuore caratterizzato dai monumenti più importanti. Facendo una passeggiata in questo meraviglioso sito archeologico si possono vedere l’agorà greca, il foro romano, i santuari coi rispettivi templi, e i luoghi dove avvenivano le riunioni politiche. Un posto che stupisce per la sua bellezza e maestosità.

Dove: Paestum si trova in Campania nel comune di Capaccio Paestum, in provincia di Salerno.

Numero di abitanti: il comune dove è situato questo parco archeologico conta circa 23 mila abitanti.

Da vedere in quanti giorni: Paestum si visita in una giornata, il territorio circostante merita un viaggio di almeno una settimana.

Da fare assolutamente: prendersi tutto il tempo necessario per visitare questo luogo che per la sua grande importanza è stato riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, insieme al Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Se potete prenotate una visita guidata per godere al meglio di questo luogo.

Qualche consiglio: se visitate Paestum, parco archeologico che si trova in provincia di Salerno, non perdete l’occasione anche di visitare questa città che non dista molto (leggi destinazione Salerno).

Da assaggiare: la cucina tipica è uno dei motivi per visitare la Campania. In questa regione d’Italia ovunque si mangia bene, le particolarità da provare sono sicuramente la tipica pizza napoletana e i dolci, tanti e diversi, tra cui da non perdere ci sono le sfogliatelle. Sono davvero molti i prodotti locali che si distinguono per genuinità e sapore. Assaggiate le mozzarelle che sono davvero squisite.

Read more